it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / Come funziona la ricarica wireless?

Come funziona la ricarica wireless?


La ricarica wireless è destinata a diventare più popolare con l'adozione della ricarica wireless Qi nell'iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X di Apple. Si trova anche su alcuni telefoni Android, come Samsung Galaxy Note 8, Galaxy S8 e Galaxy S7.

La maggior parte dei caricabatterie wireless utilizza l'induzione magnetica e la risonanza magnetica. Offrono la promessa di poter posizionare un dispositivo su una superficie e farlo ricaricare automaticamente, senza bisogno di cavi necessari.

Funzionalità di ricarica wireless

CORRELATO: Vale la pena eseguire l'aggiornamento a iPhone 8 o iPhone X?

La ricarica wireless non è veramente wireless, naturalmente. Il telefono, lo smartwatch, il tablet, le cuffie wireless o altri dispositivi non devono essere collegati al caricabatterie con un cavo, ma il caricabatterie wireless deve comunque essere collegato a una presa a muro per funzionare. Quando l'iPhone 5 è stato rilasciato senza la funzione di ricarica wireless trovata nei telefoni Android e Windows concorrenti al momento, Phil Schiller di Apple ha affermato che "la creazione di un altro dispositivo da collegare al muro è in realtà, per la maggior parte delle situazioni, più complicata" .

Cinque anni dopo, Apple ha cambiato idea. Con iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X, Apple include il supporto per la ricarica wireless utilizzando lo standard aperto Qi. (È pronunciato "chee" perché è una parola cinese che si riferisce alla "energia vitale" negli esseri viventi.)

I caricabatterie wireless in genere usano l'induzione magnetica. La breve spiegazione è che usano il magnetismo per trasmettere energia. Innanzitutto, si posiziona il dispositivo, come uno smartphone, sul caricatore wireless. La corrente proveniente dalla presa a muro si muove attraverso il filo nel caricatore wireless, creando un campo magnetico. Il campo magnetico crea una corrente nella bobina all'interno del dispositivo che si trova sul caricatore wireless. Questa energia magnetica viene convertita in energia elettrica, che viene utilizzata per caricare la batteria. I dispositivi devono avere l'hardware appropriato al loro interno per supportare la ricarica wireless: un dispositivo senza la bobina necessaria non può caricare in modalità wireless.

Mentre lo standard Qi era originariamente limitato all'induzione magnetica, ora supporta anche la risonanza magnetica. Funziona in modo simile, ma il dispositivo può trovarsi a una distanza massima di 45 mm dalla superficie del caricatore wireless anziché toccarlo direttamente. Questo è meno efficiente dell'induzione magnetica, ma ci sono alcuni vantaggi: per esempio, un caricatore wireless può essere montato sotto la superficie di un tavolo e si può mettere un dispositivo sul tavolo per caricarlo. Consente inoltre di posizionare più dispositivi su un singolo pad di ricarica e di caricarli tutti in una volta.

Quando non si ricarica attivamente, il caricabatterie Qi non consuma la massima quantità di energia. Invece, utilizza una quantità minore di energia e, quando rileva che un dispositivo è posizionato sul caricabatterie, aumenta l'energia prodotta.

Standard concorrenti: Qi vs. Powermat vs. Rezence

Un iPhone 8 con wireless caricabatterie, come mostrato durante l'annuncio di Apple.

La ricarica wireless sta diventando sempre più comune e persino più standardizzata. E per una volta, Apple non ha creato il proprio standard wireless. Invece, ha scelto di supportare lo standard Qi esistente, supportato anche da molti altri dispositivi.

Tuttavia, il Qi non è l'unico standard in circolazione. Lo standard Qi, che appartiene al Wireless Power Consortium, è avanti, ma non è solo. Al secondo posto c'è lo standard Powermat, o PMA, di Power Matters Alliance. Usa l'induzione magnetica, come il Qi. I due sono incompatibili, però. Un iPhone non può essere caricato con un caricabatterie wireless PMA.

Alcuni dispositivi sono comunque compatibili con entrambi. I moderni dispositivi Samsung come Galaxy Note 8, Galaxy S8 e Galaxy S7 supportano effettivamente gli standard Qi e PMA e possono essere caricati con entrambi. Starbucks scommette su PMA, ma potrebbero ripensare le cose ora che l'iPhone supporta solo Qi. Apple scommette che aeroporti, hotel e altri luoghi pubblici sceglieranno anche di scommettere su Qi.

La Rezence dell'Alliance for Wireless Power (A4WP) usa invece la risonanza magnetica, una funzione aggiunta in seguito da Qi. Ciò consente una maggiore libertà di posizionamento. Puoi avere più dispositivi su un singolo caricabatterie, spostare i dispositivi in ​​giro e persino caricare i dispositivi attraverso un oggetto come un libro tra il dispositivo e il caricabatterie. Rezence richiede al Bluetooth di comunicare con il dispositivo.

In qualità di secondo e terzo posto, le aziende Power Matters Alliance e Alliance for Wireless Power si sono rinominate AirFuel Alliance e stanno cooperando nel tentativo di assumere Qi.

Come utilizzare la ricarica wireless oggi

The Galaxy Note 8 e caricabatterie wireless Samsung.

Tutta la tecnologia a parte, iniziare con la ricarica wireless è piuttosto semplice. Se si desidera ricaricare il proprio smartphone in modalità wireless, è necessario uno smartphone che supporti la ricarica wireless e un tappetino di ricarica wireless compatibile per posizionare il telefono. È inoltre possibile acquistare adattatori per aggiungere il supporto di ricarica wireless ai telefoni che non lo includono.

Gli smartphone più diffusi che supportano la ricarica wireless includono:

  • Apple iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X
  • Samsung Galaxy Note 8 e Galaxy Note 5
  • Samsung Galaxy S8, S8 +, S8 attivo, S7, S7 Edge, S7 attivo
  • LG G6 (solo Stati Uniti e Canada) e LG V30
  • Motorola Moto Z, Moto Z Play, Moto Z2 Force, Moto Z2 Play (solo con la modalità di ricarica wireless)

I produttori Android hanno sempre più abbandonato la ricarica wireless negli ultimi anni. Solo Samsung lo ha mantenuto sui suoi recenti telefoni di fascia alta. Ad esempio, Google non offre la ricarica wireless nei suoi smartphone Pixel, sebbene i precedenti telefoni Nexus includessero questa funzione. Con Apple che conferisce allo standard Qi un voto di fiducia, la ricarica wireless potrebbe diventare ancora più comune sui dispositivi Android.

CORRELATO: Come aggiungere la ricarica wireless a quasi tutti i telefoni

Se il telefono non supporta ricarica wireless, è possibile aggiungere supporto per la ricarica wireless con una custodia del telefono speciale o adattatore di ricarica wireless che si attacca sul retro del telefono e collegare alla sua porta di alimentazione.

Una volta che si dispone di un telefono o un adattatore che supporta la ricarica wireless, prendi un caricabatterie wireless compatibile con esso. Per la maggior parte dei telefoni, ti consigliamo un caricabatterie Qi. Qualsiasi caricabatterie wireless certificato Qi dovrebbe funzionare con qualsiasi dispositivo certificato Qi. Puoi trovarli online su siti Web come Amazon.com o nei negozi di elettronica. Collegare il pad di ricarica al muro e posizionare il telefono (o un altro dispositivo abilitato Qi) su di esso per caricare. Finché il tuo dispositivo e il caricabatterie supportano lo stesso standard, funzionerà.

In futuro, i caricatori wireless saranno probabilmente più comuni in luoghi pubblici, consentendo di posizionare semplicemente lo smartphone su un tavolo per caricarlo.


Che cos'è un errore interno del server 500 e come posso risolverlo?

Che cos'è un errore interno del server 500 e come posso risolverlo?

Se si tenta di visitare un sito Web e si vede un messaggio "Errore interno server 500", significa che qualcosa è andato storto con il sito web. Questo non è un problema con il tuo browser, il tuo computer o la tua connessione internet. È un problema con il sito che stai tentando di visitare. Significato dell'errore CORRELATO: 6 Tipi di errori del browser durante il caricamento delle pagine Web e il loro significato Questo errore può apparire in un varietà di modi diversi, ma tutti significano la stessa cosa.

(how-top)

Come disabilitare la funzionalità Lock Workstation (Window + L) in Windows

Come disabilitare la funzionalità Lock Workstation (Window + L) in Windows

Per impostazione predefinita, utilizzando la combinazione di tasti Windows + L si blocca Windows, quindi è necessario digitare nuovamente la password da utilizzare il computer. Se ti ritrovi a colpire occasionalmente questa combinazione per sbaglio e non hai davvero bisogno di bloccare Windows, ecco come disabilitarlo.

(how-top)