it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / Come funzionano le fotocamere basate su pellicola, spiegato

Come funzionano le fotocamere basate su pellicola, spiegato


Siamo diventati dipendenti dalle fotocamere digitali poiché sono così facili da usare. Ma ti sei mai chiesto come funziona la fotografia cinematografica? Continua a leggere per aumentare le tue conoscenze fotografiche o per sviluppare un nuovo apprezzamento per la tua fotocamera punta e clicca.

Le fotocamere basate su pellicola, per alcuni, sono una reliquia del passato. Semplicemente una vecchia tecnologia resa obsoleta dal nuovo e migliorata. Ma per molti, il film è un materiale da artigiano e un'esperienza fotografica che nessun sistema digitale potrebbe sperare di ricreare. Mentre molti fotografi, professionisti e dilettanti giurano sulla qualità di entrambe le fotocamere digitali o cinematografiche, resta il fatto che il film è ancora un modo valido per scattare grandi fotografie e un modo affascinante per imparare di più su come funziona la fotografia.

Riassunto della fotografia: luci, lenti e gli elementi dell'esposizione

Abbiamo trattato le basi (e alcune di esse) su come funzionano le telecamere prima, ma per i lettori che iniziano qui (o per i lettori che desiderano un aggiornamento), faremo inizia con un tour delle basi. Le telecamere sono, in teoria, abbastanza semplici. Le moderne fotocamere e obiettivi hanno avuto così tanti anni di miglioramenti nella tecnologia che potrebbe sembrare ridicolo chiamarli semplici, anche se usano una pellicola fotografica invece di sensori di luce moderni incredibilmente avanzati. Tuttavia, nonostante tutti questi progressi, tutte le telecamere hanno un obiettivo ragionevolmente semplice: raccogliere, mettere a fuoco e limitare la quantità di luce che raggiunge una sorta di materiale sensibile alla luce.

Le fotocamere sono tutte registrare un istante di tempo creando una sorta di reazione chimica o elettrica con i fotoni (particelle di luce) che si riflettono o rimbalzano in un dato momento fotografico. Questi istanti di luce acquisita sono chiamati esposizioni e sono controllati da tre variabili principali conosciute come elementi di esposizione : apertura, lunghezza dell'esposizione e sensibilità alla luce. Apertura si riferisce alla quantità di luce bloccata o consentita da un diaframma meccanico all'interno dell'obiettivo della fotocamera. Maggiore è il numero su un'impostazione di apertura, la frazione più piccola di luce è consentita al sensore. La lunghezza dell'esposizione è calcolata in secondi o in frazioni di secondo; solitamente si chiama tempo di posa e controlla per quanto tempo i materiali sensibili alla luce sono esposti alla luce.

La sensibilità della luce , come sembra, è la sensibilità alla luce del materiale fotosensibile all'interno del la fotocamera è in realtà. Ci vuole un po 'di luce, o molto per creare l'esposizione perfetta? Questo è a volte indicato come la "velocità" del film utilizzato. I film "più veloci" possono catturare immagini con meno luce, creando quindi esposizioni adeguate in frazioni molto più piccole di secondo. La pellicola "più lenta" richiede più luce e quindi impostazioni di esposizione più lunghe. La sensibilità alla luce, spesso definita come ISO , è un punto di partenza significativo, perché è una delle prime cose che un fotografo cinematografico deve considerare, mentre è spesso un ripensamento per i fotografi digitali.

Sensibilità pellicola Sensori di luce Sensibilità

Le fotocamere digitali hanno impostazioni per la sensibilità alla luce. Queste impostazioni, spesso note come ISO, sono impostazioni numeriche che si verificano in valori di stop completo di 50, 100, 200, 400, 800, ecc. I numeri più bassi sono meno sensibili alla luce, ma consentono di ottenere dettagli migliori senza una gran quantità di grana.

Le telecamere per pellicole hanno uno standard ISO molto simile alle impostazioni ISO della fotocamera digitale, infatti le fotocamere digitali utilizzano uno standard basato sugli standard di sensibilità del film. I fotografi cinematografici dovrebbero pianificare in anticipo il tipo di ambiente luminoso su cui stavano pianificando di lavorare e scegliere una bobina di pellicola sensibilizzata per funzionare secondo varie condizioni di luce ISO standard. Un'impostazione di pellicola ISO alta di 800 o 1600 potrebbe essere utile per fotografare in ambienti con scarsa illuminazione o oggetti in rapido movimento utilizzando tempi di posa rapidi. Le pellicole ISO più basse erano quelle normalmente utilizzate in ambienti luminosi e soleggiati. I fotografi dovrebbero lavorare su bobine intere; non c'era alcuna regolazione ISO al volo se le condizioni di luce sono cambiate. Se non riuscissi a ottenere un colpo cambiando gli altri elementi di esposizione, probabilmente non avresti il ​​tiro. Cambiare ISO significava cambiare un'intera bobina di pellicola da 35 mm, al contrario di oggi, dove significa semplicemente premere alcuni pulsanti.

Esposizione latente e sensibilità alla luce

Quindi, sì, abbiamo stabilito che ci sono vari film con vari livelli di sensibilità alla luce. Ma perché e in che modo questi film sono sensibili alla luce? Il film, di per sé, è piuttosto semplice. Può essere pensato come un supporto trasparente per la chimica sensibile alla luce, che viene applicato su fogli microscopicamente sottili su questo supporto distanziati su lunghi rotoli o su altri supporti di pellicola. (35mm è lontano dall'unico formato fotografico, sebbene siano tutti molto simili).

Sia nella pellicola a colori che in quella in bianco e nero, strati di chimica (spesso alogenuri d'argento) che reagiscono alla luce vengono esposti per creare un'immagine latente "Queste immagini latenti possono essere pensate come immagini che sono già state attivate chimicamente, anche se, se la si guardava, non ci sarebbero prove visibili che le esposizioni siano state create. Le immagini latenti, una volta esposte, prendono vita attraverso un processo di sviluppo che si svolge nella camera oscura .

Darkrooms: creazione di immagini con la chimica

Perché le telecamere a pellicola possono creare solo queste immagini latenti, i film che sono stati esposti passano attraverso un processo chiamato "in via di sviluppo". Sviluppare film, per la maggior parte, significava abbandonare rotoli di pellicola da 35 mm e recuperare stampe e negativi. Tuttavia, ci sono due fasi di sviluppo complete tra il drop off del film e la fase di stampa. Diamo una breve occhiata a come viene sviluppato il film.

I film fotografici, anche dopo essere stati esposti, sono ancora in uno stato di sensibilità alla luce. Portare il film nudo in un ambiente con qualsiasi luce in esso rovinerà qualsiasi esposizione, oltre a rendere il film completamente inutilizzabile. Per aggirare questo problema, i film sono sviluppati in quella che è nota come "camera oscura". Le stanze oscure, a differenza di quanto ci si potrebbe aspettare, di solito non sono completamente buie, ma sono illuminate con luce filtrata a cui i film non sono sensibili, consentendo agli sviluppatori di vedere. Molti film, in particolare il bianco e nero, non sono sensibili alle luci gialle, rosse o arancioni, quindi le camere oscure avranno lampadine colorate o semplici filtri traslucidi che riempiono le stanze altrimenti buie con una luce colorata colorata.

Modifica: I film sono effettivamente sviluppati in completa oscurità nei serbatoi di film, come sono sensibili a tutto lo spettro della luce. Le carte fotografiche sono generalmente meno sensibili a certe parti dello spettro e sono sviluppate nella camera oscura.

Le pellicole a colori e in bianco e nero usano diversi metodi e chimica, ma utilizzano sostanzialmente gli stessi principi. Le pellicole esposte (sia a colori, in bianco e nero) vengono immerse in bagni di chimica che modificano chimicamente il film microscopico trattato con i bit ("granuli" di alogenuri d'argento fotosensibili, ecc.). Con il film in bianco e nero, quelle zone esposte a una luce più dura si induriscono in modo che non si lavino via, mentre le aree più scure esposte alla minima luce si lavano via in un film trasparente. Ciò crea l'aspetto "negativo" della firma, con i colori chiari scambiati alle aree nere e scure scambiate per liberare la trasparenza. Una volta che il film è stato sviluppato in questo primo bagno, viene rapidamente risciacquato in un "bagno di arresto", di solito solo acqua. Il terzo bagno è un "fissatore" chimico che arresta il processo di sviluppo, disattivando la chimica sui film, congelando il film sviluppato nel suo stato attuale. Il film non fissato può continuare a svilupparsi senza essere fermato completamente con un bagno di fissatore chimico, cambiando l'immagine nel tempo. Il fissatore chimico è una sostanza chimica abbastanza pericolosa, e di solito i negativi vengono lavati in un altro bagno d'acqua di base dopo il fissaggio e asciugati.

Le pellicole a colori subiscono un processo di sviluppo simile. Per creare immagini a colori, è necessario creare negativi che producano i tre colori primari di luce: rosso, verde e blu. I negativi di questi colori vengono creati utilizzando un altro insieme di colori primari familiari: ciano, magenta e giallo. La luce blu viene esposta su uno strato giallo, mentre il rosso viene esposto a uno strato di ciano e verde a un magenta. Ogni strato è sintonizzato per essere sensibile principalmente a fotoni di specifiche lunghezze d'onda (colori). Una volta esposte, le immagini latenti vengono sviluppate, fermate, lavate, riparate e lavate di nuovo allo stesso modo in cui viene sviluppata la pellicola in bianco e nero.

Back to the Darkroom: stampa con negativi cinematografici

Non siamo ancora fuori dal buio; per trasformare un negativo di un film in una stampa, è necessario acquistare altri materiali fotosensibili, questa volta per la stampa. A differenza della moderna fotografia digitale gestita da stampanti digitali, la stampa su pellicola riprende più o meno lo stesso processo fotografico per creare un'immagine a colori vera da una foto negativa. Diamo una rapida occhiata a ciò che serve per creare una singola stampa fotografica basata su pellicola.

Le stampe a base di film sono tutte realizzate su speciali carte sensibilizzate e trattate chimicamente che sono in qualche modo simili alle pellicole fotografiche. A colpo d'occhio, sembrano molto simili alla carta fotografica a getto d'inchiostro. Una ovvia differenza tra i due è che la carta fotografica inkjet può essere presa nella carta foto-sensibile per la stampa di film con la camera oscura.

Le stampe possono essere fatte sia posizionando strisce di pellicola direttamente su foto sensibili carta (mai sentito il termine scheda di contatto ?) o utilizzando un ingranditore , che è fondamentalmente una sorta di proiettore in grado di proiettare la luce attraverso i negativi per creare immagini ingrandite. In entrambi i casi, la carta fotografica viene esposta alla luce, con il film che blocca le parti della luce e ne espone altre e, nel caso della pellicola a colori, cambia la lunghezza d'onda (colore) della luce bianca dell'esposizione.

Da lì, la carta fotografica ha la sua immagine latente, ed è sviluppata più o meno allo stesso modo dei film, poiché la chimica è in qualche modo simile. L'unica differenza è che i toni in bianco e nero / colorati appaiono dall'esposizione quando vengono sviluppati, mentre i film vengono lavati via in trasparenza quando vengono sviluppate le parti esposte. Questa è la principale differenza tra le immagini su carta fotografica e su film-carta fotografica ti dà la tua immagine finalizzata e naturalistica.

Creazione di immagini ricche con processi basati su pellicola

Avendo avuto anni per sviluppare tecniche, nuova chimica e tecnologia, i fotografi sono diventati molto abili nel creare immagini dinamiche e ricche con questi processi, la maggior parte dei quali può sembrare quasi inutilmente complicati per i moderni fotografi di tipo "punta e scatta". Queste tecniche di creazione di immagini, nelle mani di abili stampatori e sviluppatori, potrebbero creare immagini ricche e sorprendenti, oltre a compensare i numerosi problemi riscontrati durante le riprese. Hai sovraesposto i tuoi scatti? Prova a sottoesporre il tuo film. I dettagli dei tuoi momenti salienti sono sbiaditi e sottili? Fai come Ansel Adams e schiva e brucia per creare migliori luci e ombre.

I fotografi di film possono avere un metodo complesso e impegnativo rispetto allo scatto con fotocamere digitali e alla stampa da Photoshop. Tuttavia, ci sono alcuni artisti che probabilmente non abbandoneranno mai il film, o forse quelli che non lavoreranno mai esclusivamente in digitale. Il film, con tutte le sue sfide, offre ancora agli artisti tutti gli strumenti e i metodi di cui hanno bisogno per creare un lavoro fotografico di grande qualità. La pellicola offre inoltre ai fotografi gli strumenti per risolvere più dettagli rispetto a tutte le fotocamere digitali ad alta risoluzione più avanzate. Quindi, per il momento, il film rimane ancora un valido mezzo per la fotografia.


Crediti immagine: Camera Film di e20ci, disponibile sotto Creative Commons. Nuovo DSLR di Marcel030NL, disponibile sotto Creative Commons. Film Cans By Rubin 110, disponibile sotto Creative Commons. Kodak Kodachrome 64 di Whiskeygonebad, disponibile sotto licenza Creative Commons. Bagno Darkroom di Jukka Vuokko, disponibile sotto Creative Commons. Darkroom BW di JanneM, disponibile sotto Creative Commons. Fai da te Darkroom di Matt Kowal, disponibile sotto Creative Commons. Contatto Sheet One di GIRLintheCAFE, disponibile sotto Creative Commons. Darkroom Stampa di Jim O'Connell, disponibile sotto Creative Commons.


Come impostare il contenuto e le restrizioni di acquisto su Apple TV

Come impostare il contenuto e le restrizioni di acquisto su Apple TV

Apple TV ha contenuti e restrizioni di acquisto ancora più sofisticati rispetto ai suoi predecessori: è semplicissimo limitare i contenuti, le app e gli acquisti per adulti . Diamo un'occhiata a come impostare e gestire le restrizioni. Perché voglio farlo? CORRELATO: Come riavviare o sospendere Apple TV direttamente dal telecomando Ci sono un'ampia varietà di motivi per cui potresti voler abilitare i contenuti e le restrizioni di acquisto sulla tua Apple TV e non tutti ruotano attorno alla gestione dei bambini.

(how-to)

Come cambiare l'icona del tipo di file in Windows

Come cambiare l'icona del tipo di file in Windows

Se sul computer è presente un file con un'estensione non riconoscibile, Windows assegna semplicemente a tale file un'icona di file generica. Se lavori in un ambiente aziendale, questo può accadere continuamente con applicazioni software personalizzate che utilizzano formati proprietari.Anche se sei un utente domestico, potrebbe valere il tuo tempo per cambiare l'icona predefinita che viene assegnata per un documento di testo o per tutti i documenti PDF, ecc.

(How-to)