it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / "Aggiornamenti senza interruzioni" di Android Nougat, spiegato

"Aggiornamenti senza interruzioni" di Android Nougat, spiegato


In tutte le generazioni di dispositivi Android, fino a un Marshmallow incluso, gli aggiornamenti del sistema operativo hanno essenzialmente funzionato allo stesso modo: l'aggiornamento è scaricato, il telefono si riavvia e l'aggiornamento viene applicato. Durante questo periodo, il telefono è reso inutilizzabile, almeno fino a quando l'aggiornamento non è stato completamente installato. Con i nuovi "Aggiornamenti senza giunte" di Nougat, questo modello è ormai passato.

Come sono cambiati gli aggiornamenti in Android 7.0 Nougat

Google ha preso una pagina dal proprio sistema operativo Chrome per il nuovo metodo di aggiornamento. I Chromebook hanno sempre funzionato in modo efficace in questo modo: l'aggiornamento viene scaricato in background, quindi viene richiesto all'utente di riavviare il processo di installazione. Un rapido riavvio in seguito e l'aggiornamento è completo, non è necessario attendere l'installazione dell'aggiornamento, nessuna "ottimizzazione" o nessuna delle altre cose che sembrano richiedere età . È veloce, facile e, soprattutto, non ha una quantità irragionevole di tempi di inattività.

A partire da Android 7.0, questa è la direzione in cui stanno andando gli aggiornamenti di Android. Vale la pena ricordare qui che questo non si applica ai dispositivi aggiornati a Nougat, solo quelli forniti con il software. La ragione di ciò è perfettamente logica: questo nuovo metodo di aggiornamento richiede due partizioni di sistema per funzionare, e praticamente tutti gli attuali telefoni Android ne hanno solo uno. Ri-partizionare il dispositivo al volo potrebbe essere potenzialmente catastrofico (e probabilmente lo sarebbe in molti scenari), quindi la decisione di Google di lasciarlo da solo sui telefoni di generazione corrente è rispettabile, anche se un po 'faticoso.

Funziona un po' come questo : c'è una partizione di sistema attiva e una partizione dormiente, che sono immagini speculari l'una dell'altra. Quando diventa disponibile un aggiornamento OTA, la partizione attiva lo scarica e quindi aggiorna la partizione dormiente. Un riavvio successivo, la partizione dormiente diventa attiva e la partizione precedentemente attiva diventa inattiva, applicando il software aggiornato.

CORRELATO: Come aggiornare manualmente il dispositivo Nexus con le immagini di fabbrica di Google

Non solo questo rende l'intero processo di aggiornamento incommensurabilmente più veloce, ma serve anche come una sorta di sistema di backup. Se qualcosa dovesse andare storto con l'aggiornamento, il sistema può rilevare che c'è un errore durante l'avvio e semplicemente tornare alla partizione di sistema inalterata. Al riavvio, può eseguire nuovamente il ping dei server di download, riapplicare l'aggiornamento e riavviare di nuovo per completare il processo. Rispetto al modo in cui gli errori di aggiornamento catastrofici vengono gestiti nel sistema corrente, che richiede molta interazione con gli utenti, strumenti di sviluppo Android e familiarità con la riga di comando, il metodo a doppia partizione è semplicemente migliore.

Non l'abbiamo visto In Action Yet, quindi ci sono ancora un sacco di domande

Naturalmente, viene fornito con una serie di domande e dubbi. Mentre capiamo come questo sistema funzioni in teoria, non abbiamo ancora visto come si comporta in pratica, dal momento che Nougat non ha ancora avuto un aggiornamento e nessun dispositivo è stato spedito con 7.0. Qualunque cosa sia la speculazione, ma immagino che quando un aggiornamento viene applicato, ad esempio, ci sarà probabilmente un duro colpo alle prestazioni del sistema.

Inoltre, se sei come me, leggi quanto sopra sezione e pensato: "quanto spazio avranno due partizioni di sistema?" Si potrebbe automaticamente presumere che ci vorrà il doppio della quantità di spazio, che non è completamente errato, ma bisogna anche ricordare che questi sono sistema partizioni, il che non significa che richiederà due copie di ogni app installata. Tuttavia, questo significa che i sistemi attuali che richiedono un gigabyte - una dimensione non insolita per un sistema operativo Android - potrebbero ora richiedere due gigabyte (o più).

Detto questo, Google si è spostato su un nuovo file system chiamato SquashFS, che è un file system altamente compresso e di sola lettura, progettato originariamente per sistemi embedded in situazioni di memoria insufficiente. Ciò dovrebbe sicuramente aiutare a compensare alcuni dei problemi di spazio che inevitabilmente accompagneranno l'installazione di una partizione a due sistemi. Tuttavia, potremmo iniziare a vedere i dispositivi spediti con un minimo di 32 GB in movimento. Il tempo dirà.

Non è chiaro cosa succede alla nuova partizione dormiente dopo l'aggiornamento. C'è la possibilità che possa essere aggiornato in background e attendere l'arrivo di un'altra nuova OTA, ma non c'è documentazione tecnica a supporto di questa teoria, solo che sto pensando ad alta voce. Tuttavia, sembra che abbia senso per me, perché altrimenti questo nuovo sistema sembrerebbe apparentemente una sorta di scenario di aggiornamento una volta fatto, che è esattamente la direzione opposta a quella che Google sta tentando di fare qui.

Sfortunatamente, dal non esiste ancora un dispositivo che supporti il ​​nuovo sistema di aggiornamento continuo, alcune di queste domande non avranno risposta. Una volta avviate le nuove generazioni di telefoni, avremo una migliore comprensione di come tutto ciò funzionerà nel mondo reale. Ma per ora: sembra una cosa molto buona.


Il firewall del tuo Mac è disattivato Per impostazione predefinita: devi abilitarlo?

Il firewall del tuo Mac è disattivato Per impostazione predefinita: devi abilitarlo?

Mac OS X viene fornito con un firewall integrato, ma non è abilitato per impostazione predefinita. Il firewall di Windows è stato abilitato di default sin da quando worm come Blaster hanno infettato tutti i sistemi vulnerabili di Windows XP, quindi cosa fornisce? Mac per includere un firewall, che puoi abilitare da Sicurezza e Privacy nelle Impostazioni di sistema.

(how-to)

Tutto ciò che puoi fare su Apple Watch senza il tuo iPhone

Tutto ciò che puoi fare su Apple Watch senza il tuo iPhone

Apple Watch si affida al tuo iPhone per ricevere notifiche, visualizzare dati e persino inviare messaggi ed effettuare chiamate. Tuttavia, il tuo Apple Watch non è completamente inutile senza il tuo iPhone. Ecco alcune cose che puoi fare sull'orologio quando il telefono è fuori portata. Visualizza messaggi di testo, email e chiamate recenti CORRELATI: Come rispondere alle email sul tuo Apple Watch Quando il tuo Apple Watch non è collegato al tuo iPhone, non riceverai nuovi messaggi di testo o e-mail, né riceverai notifiche delle chiamate in arrivo.

(how-to)