it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / È Possibile collegare gli hub USB 1.1 a una presa a muro e caricare i dispositivi?

È Possibile collegare gli hub USB 1.1 a una presa a muro e caricare i dispositivi?


È frustrante avere hardware più vecchio che si trova solo a raccogliere polvere o intromettersi, quindi se può essere riproposto e reso ancora una volta utile, quindi è motivo di gioia. Il post di Q & A di SuperUser di oggi discute le possibilità di riproporre un vecchio dispositivo hub USB 1.1 per un lettore curioso.

La sessione di domande e risposte di oggi ci viene fornita per gentile concessione di SuperUser, una suddivisione di Stack Exchange, un raggruppamento di siti Web di domande e risposte .

Foto per gentile concessione di Alexandros Kostalas (Flickr).

La domanda

Il lettore SuperUser user1049697 vuole sapere se è possibile utilizzare un vecchio hub USB 1.1 per caricare i suoi dispositivi:

Ho un vecchio Hub USB 1.1 e mi chiedevo se potesse essere riproposto per qualcosa di utile. Sarebbe possibile collegarlo a un caricabatterie da muro con una presa USB incorporata e utilizzare l'hub per ottenere 4 porte di ricarica USB? Gli hub USB non funzionano bene quando sono collegati alle prese a muro?

L'immagine qui sotto mostra un hub simile all'hub USB 1.1 che ho:

(Aggiornamento) Ho provato questo con alcuni dispositivi ei risultati sono come segue:

  • Il mio vecchio dispositivo Android 2.3 caricherà, anche se molto lentamente.
  • Il mio iPhone 5S non si caricherà affatto.

È possibile utilizzare un vecchio hub USB 1.1 per caricare i dispositivi?

La risposta

Contribuente SuperUser Bob ha la risposta per noi:

Sfortunatamente, dipende davvero dalle specifiche dell'implementazione sia dell'hub che del dispositivo.

La stragrande maggioranza dei semplici hub non implementa realmente nessuno sorta di controllo di potenza. Collegheranno semplicemente le linee di alimentazione USB direttamente al proprio host o ad un alimentatore esterno (regolato), il che significa che si condivide in modo efficace la capacità della fonte di alimentazione su tutte le porte.

In pratica, tuttavia, la ricarica USB diventa abbastanza complesso. La linea di fondo è che il tuo hub USB 1.1 caricherà probabilmente le tue periferiche, ma a una velocità ridotta. Ciò non dipende dal fatto che l'hub limita attivamente l'uscita corrente, ma poiché le periferiche limiteranno la corrente che disegna a meno che non possano confermare positivamente che l'host è in grado di fornire quella corrente (per evitare danni agli host che non possono).

Ridotto la frequenza dipende dalla specifica periferica e dall'hub specifico, ma probabilmente varia da 100 mA a 500 mA, che è molto inferiore al massimo di un moderno smartphone (oltre 1.000 mA).

Per elaborare:

1. Se l'host implementa un qualche tipo di controllo dell'alimentazione, la periferica deve avviare una connessione dati e negoziare correttamente. Anche se ciò è tecnicamente richiesto dalle specifiche (eccetto le più recenti specifiche di ricarica della batteria), alcune periferiche potrebbero non farlo. Immagino che la maggior parte dei telefoni intelligenti tenterà almeno, ma ci sono molte periferiche USB "stupide" che non lo faranno.

2. Nel caso di un hub collegato a un alimentatore USB senza un host appropriato, potrebbe non funziona affatto.

3. La negoziazione è la seguente:

  • Ogni periferica può disegnare un carico unitario senza negoziazione. Ogni periferica deve comunicare con l'host per richiedere più unità.
  • USB 1.1 e 2.0 definiscono un carico di unità come 100 mA, con un massimo di 5 carichi di unità (500 mA).
  • USB 3.0 definisce un carico di unità come 150 mA, con un massimo di 6 carichi unitari (900 mA).

4. I dispositivi moderni hanno spesso bisogno di più energia (gli smartphone spesso assorbono 1.000 mA - 2000 mA).

5. C'è una specifica di ricarica della batteria che si occupa di questo. Leggi l'articolo "In che modo gli addebiti USB riguardano solo dispositivi elettronici" per i dettagli su come funziona la negoziazione e il rilevamento, ma non è troppo importante.

  • Il limite di carica è di 1.500 mA, ma solo se le linee dati sono in cortocircuito insieme (o rispondere come se fossero stati). Questo non è il caso di un host che supporta i dati come un hub USB. C'è un profilo aggiuntivo che si occupa di questo, ma un hub USB 1.1 probabilmente non lo implementa.
  • Con un host non compatibile, le periferiche più intelligenti non riescono a rilevare una sorgente ad alta capacità e quindi ricadranno sulla carica al massimo a 500 mA. Ciò significa che il tuo hub USB caricherà probabilmente il dispositivo a una velocità significativamente inferiore rispetto a collegare la periferica direttamente al caricabatterie.

5. Esistono altre specifiche come il protocollo Apple, il protocollo di addebito rapido di Qualcomm, ecc. Hanno tutti i propri metodi di rilevamento e negoziazione. Inoltre non funzioneranno con un hub USB 1.1.

6. Esiste una nuova specifica USB Power Delivery, ma quasi nulla lo implementa e si occupa di tutti i tipi di cose stravaganti come tensioni diverse.


Hai qualcosa da aggiungere alla spiegazione? Audio disattivato nei commenti. Vuoi leggere più risposte dagli altri utenti di Stack Exchange esperti di tecnologia? Controlla il thread completo di discussione qui.


Come lavorare con i file di Microsoft Office in Google Drive

Come lavorare con i file di Microsoft Office in Google Drive

I file di Microsoft Office sono ancora molto comuni, ma se sei più di un utente di Documenti, Fogli e Presentazioni Google, puoi ancora modifica i file Word, Excel e PowerPoint in Google Drive, se sai come. Sul desktop, dovrai utilizzare il browser Google Chrome e un'estensione Chrome ufficiale per modificare i documenti di Microsoft Office, utilizzando la compatibilità Office di Google Drive Modalità (OCM).

(how-to)

Come utilizzare la riga di comando per uccidere un programma

Come utilizzare la riga di comando per uccidere un programma

Tutti sanno come uccidere un programma usando Task Manager in Windows o Force Quit in OS X, ma a volte è utile uccidere un programma usando la riga di comando. Ho incontrato diverse situazioni in cui il programma si è rifiutato di terminare tramite Task Manager, anche quando ho tentato di uccidere il processo sottostante.

(How-to)