it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / Come costruire un media center da $ 35 con Kodi e Raspberry Pi

Come costruire un media center da $ 35 con Kodi e Raspberry Pi


Se hai tenuto duro sulla configurazione di un computer media center basato su Kodi perché sono rumorosi, costosi, non entrare nel tuo rack multimediale, il Raspberry Pi è il tuo salvatore. Per soli $ 35 (più alcuni accessori che potresti avere in giro), puoi ottenere un piccolo ed efficiente computer in grado di riprodurre tutti i tuoi file multimediali da una bellissima interfaccia a misura di divano.

Questa guida presuppone che tu sia almeno in qualche modo familiarità con il Raspberry Pi e Kodi, quindi se non lo sei, assicurati di controllare la nostra guida completa per il Raspberry Pi e leggere su Kodi prima di continuare.

Che cosa avrete bisogno

RELATED: Tutto quello che c'è da sapere su come iniziare con Raspberry Pi

Per quanto riguarda l'hardware, è necessario il tipico lotto di hardware e accessori Raspberry Pi:

  • Una scheda Raspberry Pi (si consiglia l'ultimo Raspberry Pi 3 per le migliori prestazioni)
  • Un alimentatore microUSB (si consiglia l'alimentatore ufficiale CanaKit Raspberry Pi 3 per i migliori risultati)
  • Una scheda microSD (consigliata 8 GB o superiore)
  • Un caso (si possono trovare molti quelli su Amazon, anche se questo caso Kodi ufficiale è piuttosto dolce)
  • Un cavo HDMI per la connessione al televisore
  • Una rete eterogenea c adattatore Wi-Fi o in grado (ethernet è fortemente raccomandato per le migliori prestazioni)

CORRELATO: Come usare Flirc per aggiungere qualsiasi telecomando a qualsiasi media center

Avrai bisogno anche di un mouse e di una tastiera per alcuni la configurazione iniziale, un PC che puoi usare per installare Kodi sulla tua scheda SD e, se vuoi, un ricevitore remoto e ad infrarossi per un controllo a misura di divano. Ci piace FLIRC abbinato a un Logitech Harmony 650.

Tutto sommato, queste parti potrebbero farti pagare più di $ 35 pubblicizzati se hai bisogno di comprarli tutti, ma è probabile che tu abbia alcuni (se non tutti) di questa roba che giace in giro, quindi potresti essere in grado di cavartela con pochissimo. Ancora una volta, puoi leggere ulteriori informazioni sulla raccolta di queste parti nella nostra guida completa al Raspberry Pi.

Quale versione di Kodi?

L'installazione di Kodi su un Raspberry Pi non equivale a installarla su Windows o Macchina Linux Invece di installare un sistema operativo e successivamente installare Kodi, in genere installerai un pacchetto tutto in uno che fornisce solo Kodi e gli elementi essenziali. Il sistema operativo sottostante potrebbe ancora essere una variante di Debian Linux, ma ottimizzato per portare una versione potente e leggera di Kodi sul tuo schermo TV con poco sforzo.

Ci sono molte diverse build di Kodi per il Pi, ma in questi giorni, noi raccomandiamo LibreELEC. È incredibilmente leggero, ben tenuto con aggiornamenti e molto diffuso, quindi sei sicuro di trovare aiuto lungo la strada se ne hai bisogno. Se non ti piace, ci sono altre opzioni, come OpenELEC (il precursore di LibreELEC), OSMC (il successore di Raspbmc ora defunto) e XBian. La loro installazione sarà molto simile all'installazione di LibreELEC, quindi dovresti essere in grado di seguire la maggior parte delle istruzioni riportate di seguito.

Fase uno: scarica e scarica Kodi sulla scheda SD

Il primo passaggio avviene sul tuo PC. Nei nostri test, l'installer standalone di LibreELEC non ha funzionato, quindi creeremo la nostra scheda SD manualmente usando Etcher, un programma gratuito per Windows, macOS e Linux. Vai alla home page di Etcher e scarica la versione per il tuo sistema operativo: se utilizzi Windows, ti consigliamo la versione portatile, poiché non devi installarla.

Quindi, vai alla pagina di download di LibreELEC e scorri verso il basso alla sezione "Download diretti". Seleziona "Raspberry Pi v2 e Raspberry Pi v3" dal menu a discesa (a meno che non utilizzi Raspberry Pi 1 o Zero, in tal caso seleziona questa opzione, quindi scorri verso il basso e fai clic sul link al file .img.gz per la piattaforma che hai appena selezionato.

Una volta scaricato il file, avvia Etcher. Fai clic su "Seleziona immagine" e poi scegli il file .img.gz appena scaricato.

Quindi fai clic sul link "Cambia" sotto il secondo fare in modo che Etcher abbia selezionato il dispositivo giusto, nel nostro caso si tratta di un lettore di schede SD Transcend con una scheda SD da 16 GB, quindi Etcher ha scelto saggiamente.

Quando hai finito, fai clic sul pulsante "Flash!". Ci vorrà un minuto o due per completare il processo. Potresti ricevere un messaggio di errore su Windows che non è in grado di leggere l'unità, ma non formattarla! Questo è normale, dal momento che la scheda SD risultante utilizzerà un filesystem Linux. Chiudi la finestra e continua con i seguenti passaggi.

Al termine, espelli la scheda microSD e raccogli l'hardware Pi.

Passaggio 2: avvia il tuo Raspberry Pi e configura il tuo sistema

Inserisci il tuo pop scheda microSD nel tuo Raspberry Pi e collegalo alla TV con il cavo HDMI (e collega il cavo Ethernet, se applicabile). Quindi, collegare l'alimentatore al Pi e una presa a muro standard, e dovrebbe avviarsi. Dovresti vedere la schermata iniziale di LibreELEC apparire sul tuo televisore.

Dagli qualche minuto al primo avvio per creare le cartelle necessarie e ottenere tutto in ordine. Ti verrà presentata la tradizionale schermata iniziale di Kodi, con un popup LibreELEC che ti guiderà attraverso i passaggi iniziali come impostare il tuo fuso orario.

Questo dovrebbe essere tutto ciò che ti serve per alzarti e correre, quasi tutto da qui in poi è come impostare Kodi su qualsiasi altra casella. Puoi aggiungere nuovi video alla tua libreria, controllare la riproduzione con un telecomando (o le app remote ufficiali per iOS e Android) e fare altre cose avanzate, come sincronizzare le tue librerie con MySQL o Control Kodi con Amazon Echo.

Se ti imbatti in problemi LibreELEC o Pi specifici, troverai alcune impostazioni extra in Add-On> Add-On programmi> Configurazione LibreELEC. La maggior parte di questi sarà simile alle impostazioni che hai impostato in quella procedura guidata iniziale, anche se ci sono alcune cose a cui potresti voler prestare attenzione:

  • Se stai usando sorgenti di rete e / o MySQL per la tua libreria video, potrebbe voler accedere a Rete> Impostazioni di rete avanzate e abilitare "Attendi rete prima di avviare Kodi". Ciò garantisce che la libreria appaia correttamente all'avvio.
  • Sotto Servizi, è possibile abilitare o disabilitare Samba e SSH, che sono utili per accedere al Pi da altri computer sulla rete. Samba ti consente di visualizzare e modificare i file (utile per modificare i file di configurazione di Kodi), mentre SSH è utile per la risoluzione dei problemi della riga di comando.
  • Se guardi video che richiedono una licenza MPEG-2 o VC-1, puoi acquistare una licenza economica e aggiungilo al tuo Pi usando queste istruzioni. (Dovrai aggiungerlo al tuo config.txt per LibreELEC poiché non è integrato nel menu di configurazione.)

A parte alcune impostazioni di base, dovresti comunque partecipare alle gare! Puoi personalizzare Kodi in base al tuo cuore come su qualsiasi altra piattaforma, ottenere nuove skin, installare componenti aggiuntivi e organizzare meticolosamente tutti i tuoi film e programmi (e una volta terminato, clonare la scheda SD per un backup infallibile). Il cielo è il limite e costa solo $ 35.


Come aprire file HEIC su Windows (o convertirli in JPEG)

Come aprire file HEIC su Windows (o convertirli in JPEG)

L'iPhone e l'iPad di Apple ora scattano foto nel formato immagine HEIF e queste foto hanno l'estensione del file .HEIC. Windows non supporta i file HEIC, ma esiste comunque un modo per visualizzarli o convertirli in file JPEG standard. Come aprire file HEIC su Windows CORRELATI: Che cos'è HEIF (o HEIC) Formato immagine?

(how-top)

Che cos'è un obiettivo macro in fotografia?

Che cos'è un obiettivo macro in fotografia?

Un obiettivo macro è un obiettivo progettato per scattare foto estremamente ravvicinate del soggetto. Se hai mai visto una foto degli occhi di un ragno o delle vene di una foglia, quella era una foto macro. La maggior parte delle foto macro viene scattata con la fotocamera entro un piede o poco più del soggetto.

(how-top)