it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / Come scegliere quale servizio di abbonamento musicale è giusto per te

Come scegliere quale servizio di abbonamento musicale è giusto per te


Sembra che nell'ultimo anno i servizi di streaming siano diventati una dozzina di dozzine, con grandi nomi come Jay-Z, Dr. Dre e Tim Cook si stanno cimentando nel detronizzare l'attuale re del caos della musica "tutto-si-può-mangiare", Spotify. Con così tante stelle filanti sub-par che invadono il mercato, come puoi sapere quale ti darà il miglior botto (e larghezza di banda) per il tuo buck?

Spotify

Quando pensi allo streaming di musica, se hai seguito queste app per anni o semplicemente saltando a bordo, il primo servizio che probabilmente viene in mente è Spotify. Il servizio è diventato così inseparabile dall'idea di streaming musicale sottoscritto mensilmente, sarebbe difficile trovare qualcuno che non usi né questo né Pandora come fonte primaria di assalti auditivi su base giornaliera.

Spotify ha dominato lo spazio di streaming per un certo numero di anni e, come tale, ha tratto la sua giusta quota di polemiche sia dalle case discografiche che dai musicisti. Le accuse di tutto, dalle terribili tariffe per i pagamenti a flusso diretto a presentare ingiustamente artisti specifici rispetto ad altri hanno afflitto la società svedese sin dal suo lancio mondiale nel 2011. Da allora, Spotify è cresciuto in popolarità e vanta un impressionante elenco di 60 milioni di persone utenti in tutto il mondo che ascoltano la sua libreria di 30 milioni + canzoni che diventano più grandi di giorno in giorno.

Ma, nonostante la sua reputazione, a parte Taylor Swift e alcuni tagli selezionati dei Beatles, Spotify è ancora riuscita a mantenere un buon rapporto con quasi tutti i principali artisti indie sul suo servizio senza un numero schiacciante di lamentele. La sua popolarità continua a crescere su base annua (anche se i profitti continuano a sfuggire alla compagnia), mentre sempre più cantanti e cantautori indipendenti si mettono in fila per far parte di un ecosistema che attivamente e spesso sembra caratterizzato da minori Gli artisti sulle playlist normalmente popolate da grandi nomi agiscono esclusivamente.

Se stai cercando di ottenere il massimo dal tuo investimento, a $ 9,99 al mese, Spotify sarà la soluzione migliore (almeno fino al rilascio di Apple Music a la fine di questo mese, ne parleremo più avanti).

Marea

Oh Tidal. Hai provato così tanto a cambiare il modo in cui facevamo le cose, e mentre la tua ambizione era ammirevole, la tua campagna marketing esagerata e l'approccio out-of-touch per cambiare il modo in cui tutti noi trasmettevamo le nostre canzoni preferite era tutt'altro.

Di proprietà e gestito da il grande nome si comporta come Jay-Z, Kanye West, Lady Gaga e Madonna, il servizio ha cavalcato gli allori del suo modello "artista di proprietà, artisti-primi" che è stato una rinfrescante recensione di un settore che stava lentamente avanzando verso un mentalità di mettere i profitti aziendali davanti al benessere dell'artista. Oltre ad essere la scelta migliore per chiunque voglia sostenere i propri musicisti preferiti, il vantaggio clamoroso che Tidal trattiene sulla sua concorrenza dominante è l'inclusione di streaming senza perdita su dispositivi desktop. Per veri audiofili, pagare solo $ 19,99 al mese per una massiccia libreria di file audio FLAC è quasi un buon affare come lo troverete ovunque.

Sfortunatamente per Tidal, il numero di scrupolosi appassionati di cuffie là fuori che sono disposti passare da Spotify non è esattamente sufficiente per supportare un intero modello di business, e il servizio di streaming ha faticato a trovare il suo punto di forza sin dalla sua prima messa in funzione a marzo. Da allora, il servizio ha radunato solo un esiguo 770.000 utenti, anche se Jay dice di non essere preoccupato, e che la sua compagnia è "in esso per il lungo periodo".

Anche di fronte a quei numeri poveri, per il nostro dollaro se sei un pignolo per la qualità del suono, non troverai nulla che corrisponda all'esperienza hi-fi della libreria di streaming di Tidal, per quanto limitata possa essere. Tidal offre anche un servizio di streaming regolare a $ 9,99 al mese senza audio hi-fidelity, tuttavia a questo livello di costi è meglio andare con Spotify o il nostro prossimo concorrente di seguito.

Google Play Music (Accesso illimitato)

Fin dall'inizio delle immersioni nel servizio All Access Music di Google Play, noterai che molte delle sue funzionalità principali sono quasi identiche a Spotify in una moltitudine di modi, ma non è male cosa.

Puoi facilmente creare playlist, sfogliare le playlist degli altri, seguire i tuoi artisti preferiti e trasmettere in streaming tutte le canzoni che le tue orecchie possono gestire per soli $ 9,99 al mese. La qualità della musica sale a ben 320 Kbps, e in tutto e per tutto il servizio portava molti, se non tutti, gli artisti che si potevano desiderare da uno smorgasbord in stile Netflix. Le app sono facili da usare e disponibili universalmente sia su Google Play di Android che su iTunes App Store di Apple.

Ancora meglio, puoi anche importare automaticamente tutta la tua musica di iTunes direttamente nella libreria cloud di All Access, quindi nel caso non sia possibile trova qualcosa che vuoi ascoltare attraverso la funzione di ricerca All Access, puoi semplicemente acquistarlo in iTunes o importare gli acquisti effettuati in passato e continuare a suonare senza saltare un battito.

Per essere chiari, Google All Access non deve essere confuso con vanilla Google Music, che, come iTunes, ti consente comunque di acquistare singoli brani o interi album da scaricare e conservare per conto tuo, senza abbonamento richiesto.

Apple Music

Long -originato e lanciato di recente, il servizio Apple Music è una suite di applicazioni musicali e software per lo streaming di musica che, come il resto delle opzioni di questo elenco, ti permette di gorgonare liberamente su tutti i brani che puoi gestire per una tariffa fissa ciascuno mese. Per ottenere l'accesso alla libreria completa di brani che Apple ha nel suo archivio, puoi aspettarti di sborsare $ 9,99 al mese, per account o se vuoi fare un giro con un piano famiglia, $ 14,99 per sei account contemporaneamente.

RELATED: Come rimuovere la funzione Connect in Apple Music

Apple ha tentato di pubblicizzare il suo nuovo servizio radio "Connect" come un modo rivoluzionario per gli artisti di connettersi con i propri fan in tempo reale, anche se ignora convenientemente che La funzione "Segui" di Spotify ha avuto la stessa personalizzazione e flessibilità dalla sua revisione dell'interfaccia utente verso la fine del 2013. Detto questo, Apple Music ha alcuni leggeri vantaggi rispetto alla concorrenza, anche se per la maggior parte sembra solo lo streaming hardcore gli appassionati potrebbero essere in grado di distinguere.

Di particolare rilievo è la rete radio Beats 1. Broadcasting da importanti hub come New York, Londra e Los Angeles, Beats 1 offre DJ, interviste agli artisti e molti degli stessi segmenti che ti aspetteresti da una vera stazione radio. Solo gli abbonati di Apple Music sono in grado di sintonizzarsi, rendendo il club esclusivo un luogo seducente per gli utenti che vogliono sentirsi come se il loro servizio sia effettivamente vivo, piuttosto che una semplice libreria di tracce.

Anche se il servizio è solo nella sua infanzia, ha il vantaggio unico di consentire di combinare le tue librerie con i contenuti in streaming, così come qualsiasi musica che acquisti attraverso lo store di iTunes. Vuoi mettere i Beatles ei Rolling Stones nella stessa playlist? Basta acquistare i brani dei Beatles (o album completi) che si desidera ascoltare e portarli in una playlist piena di brani della discografia in streaming di Stones. Combina questo con iTunes Match e sei pronto per riprodurre in streaming qualsiasi canzone, in qualsiasi momento, ovunque su tutti i tuoi dispositivi iOS preferiti.

CORRELATO: Che cos'è Apple Music e come funziona?

Apple Music sta appena superando il segno del mese dopo il suo debutto, quindi è difficile dire se dominerà in modo simile a quello fatto prima dell'iPod o dell'iPhone. C'erano molti modi per scaricare la musica prima che iTunes arrivasse, ma nessuno degli altri servizi lo ha fatto altrettanto bene o con la stessa lucidità di quanto sarebbe stato possibile per il futuro juggernaut della distribuzione dei record di Apple. La compagnia è sempre piena di sorprese e, anche se potrebbero essere in ritardo di alcuni anni nel gioco in streaming, non sarebbe la prima volta che entrano e cambiano il modo in cui abbiamo fatto le cose senza che ce ne accorgiamo.


Quindi, qualunque sia la strada che decidi di percorrere, sia che si tratti dell'audio nitidissimo di Tidal, della massiccia raccolta di canzoni di Spotify o del roster rispettabile di artisti nuovi e emergenti di Google Play, è chiaro che non c'è mai stato un momento migliore nella storia per diventare un drogato della musica.

Se Apple Music sarà all'altezza delle promesse stabilite da Tim Cook e Co., resta ancora da vedere, ma siamo ancora ottimisti sul fatto che non trionferà chi trionferà nella competizione tra questi behemoth di marchi, alla fine , il consumatore vincerà ancora di più.

Credito immagine: Apple Music 1, 2, Spotify, Google Music, Tidal


Aggiungi intestazioni e piè di pagina a una presentazione di PowerPoint

Aggiungi intestazioni e piè di pagina a una presentazione di PowerPoint

Sebbene le presentazioni di PowerPoint vengano solitamente visualizzate su uno schermo, sono come gli altri documenti della suite di Microsoft Office come Word, Excel e Publisher. Proprio come queste altre applicazioni, puoi aggiungere intestazioni e piè di pagina personalizzati a una presentazione di PowerPoint per visualizzare una serie di informazioni importanti.

(How-to)

Come risolvere i codici paese in conflitto e migliorare il Wi-Fi del Mac

Come risolvere i codici paese in conflitto e migliorare il Wi-Fi del Mac

Il Wi-Fi non è lo stesso in tutti i paesi. Le agenzie di regolamentazione nei paesi di tutto il mondo limitano il Wi-Fi a diverse parti dello spettro delle radiofrequenze. Alcuni router trasmettono i Paesi in cui pensano di trovarsi. L'utilità Diagnostica wireless su Mac OS X mostra un messaggio di errore se nelle vicinanze sono presenti "codici Paese in conflitto".

(how-to)