it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / Perché ogni fotocamera mette le foto in una cartella DCIM?

Perché ogni fotocamera mette le foto in una cartella DCIM?


Ogni fotocamera, sia che si tratti di una fotocamera digitale dedicata o dell'applicazione Fotocamera su Android o iPhone, posiziona le foto scattate in una cartella DCIM . DCIM sta per "Digital Camera Images."

La cartella DCIM e il suo layout provengono da DCF, uno standard creato nel 2003. DCF è così prezioso perché fornisce un layout standard.

Incontra DCF o "Regola di progettazione" per sistema di file della fotocamera "

RELATED: Perché le unità rimovibili usano ancora FAT32 invece di NTFS?

DCF è una specifica creata da JEITA, l'associazione giapponese delle industrie di elettronica e tecnologia dell'informazione. È tecnicamente standard CP-3461 e puoi recuperare il documento degli standard arcani e leggerlo online. La prima versione di questo standard è stata rilasciata nel 2003 ed è stata aggiornata l'ultima volta nel 2010.

La specifica DCF elenca molti requisiti diversi con l'obiettivo di garantire l'interoperabilità. Il file system di una devics formattata in modo appropriato, ad esempio una scheda SD inserita in una fotocamera digitale, deve essere FAT12, FAT16, FAT32 o exFAT. I supporti con almeno 2 GB di spazio devono essere formattati con FAT32 o exFAT. L'obiettivo è che le fotocamere digitali e le loro schede di memoria siano compatibili tra loro.

La directory DCIM e le relative sottocartelle

Tra le altre cose, la specifica DCF stabilisce che una fotocamera digitale deve memorizzare le sue foto in un "DCIM" directory. DCIM sta per "Digital Camera Images".

La directory DCIM può - e di solito contiene - più sottodirectory. Le sottodirectory consistono in un numero univoco di tre cifre, da 100 a

, e cinque caratteri alfanumerici. I caratteri alfanumerici non sono importanti e ogni produttore di fotocamere è libero di scegliere il proprio. Ad esempio, Apple ha la fortuna di avere un nome di cinque cifre, quindi il loro codice è APPLE. Su un iPhone, la directory DCIM contiene cartelle come "100APPLE", "101APPLE," e così via.

All'interno di ogni sottodirectory ci sono i file di immagine stessi, che rappresentano le foto che fai. Il nome di ciascun file di immagine inizia con un codice alfanumerico a quattro cifre, che può essere qualsiasi cosa desideri dal produttore della fotocamera, seguito da un numero di quattro cifre. Ad esempio, vedrai spesso file denominati DSC_0001.jpg, DSC_0002.jpg e così via. Il codice non ha molta importanza, ma è coerente per garantire che le foto scattate vengano visualizzate nell'ordine in cui le hai scattate.

Ad esempio, il layout sarà simile a:

  • DCIM
    • 100ANDRO
    • DCF_0001.JPG
    • DCF_0002.JPG
  • DCF_0003.WAV
  • 101ANDRO

102ANDRO

È possibile che vengano visualizzati file .THM che rappresentano i metadati per file diversi dalle immagini JPG. Ad esempio, diciamo che hai scattato un video con la tua fotocamera digitale ed è stato memorizzato come file .MP4. Vedrai un file DSC_0001.MP4 e un file DSC_0001.THM. Il file MP4 è il video stesso, mentre il file .THM contiene una miniatura e altri metadati. Questo è usato dalla fotocamera per visualizzare le informazioni sul video senza caricarlo.

Ci sono più dettagli arcani qui che richiede la specifica DCF, ma non sono veramente importanti.

Allora, perché tutti seguono questa specifica? RELATED:

Come acquistare una scheda SD: Classi di velocità, dimensioni e capacità spiegate

DCF è uno standard "di fatto", il che significa che un numero sufficiente di produttori di fotocamere digitali e smartphone lo hanno adottato che è diventato uno standard coerente nel mondo reale. Il formato DCIM standardizzato consente al software di trasferimento di immagini di fotocamere digitali di identificare automaticamente le foto su una fotocamera digitale o una scheda SD quando la si collega al computer, trasferendole sopra.

Le cartelle DCIM sugli smartphone hanno lo stesso scopo. Quando colleghi un iPhone o un telefono Android al computer, il software del computer o della libreria fotografica può notare la cartella DCIM, notare che ci sono foto che possono essere trasferite e offrire di farlo automaticamente.

DCIM potrebbe non essere il più nome ovvio la prima volta che lo vedi - che ne dici di "Foto"? - ma è più importante che sia uno standard. Se ogni produttore di fotocamere digitali o sistema operativo per smartphone disponesse di una propria cartella di immagini, i programmi software non sarebbero sempre in grado di trovare automaticamente le foto su un dispositivo collegato. Non è possibile prendere una scheda SD da una videocamera e collegarla direttamente a un'altra fotocamera digitale, accedere alle foto senza riformattare il dispositivo o riorganizzare il file system.


In fin dei conti, avere uno standard è importante, qualunque sia lo standard. Ecco perché la cartella DCIM ci ha seguito dalle fotocamere point-and-shoot allo smartphone e persino alle app per tablet. Il Picture Transfer Protocol, o PTP, non è lo stesso dello standard DCF, ma ha uno scopo simile. È stato sostituito da MTP e altri standard, ma PTP è supportato da dispositivi Android e iPhone per comunicare con le applicazioni di gestione delle foto che supportano questo standard.

Come al solito, stiamo portando avanti uno standard vecchio e arcano perché è meglio essere compatibili con tutto che progettare qualcosa di nuovo da zero. È lo stesso motivo per cui l'email è ancora così popolare!


Come copiare i backup TWRP Android sul PC per conservare in sicurezza

Come copiare i backup TWRP Android sul PC per conservare in sicurezza

I backup TWRP possono salvare il bacon se si incasina il dispositivo Android. Ma se hai esaurito lo spazio sul tuo telefono o se hai bisogno di cancellarne l'archiviazione, puoi copiare quei backup sul PC con un semplice comando ADB. Come copiare i backup TWRP sul PC CORRELATI: Come installare e utilizzare ADB, l'utilità per il debug di Android Un sacco di hacking Android richiede di pulire il telefono e pulire il telefono significa perdere quei backup, che è necessario salvare se qualcosa va storto.

(how-to)

Come comprimere ed estrarre i file usando il comando tar su Linux

Come comprimere ed estrarre i file usando il comando tar su Linux

Il comando tar su Linux è spesso usato per creare file di archivio .tar.gz o .tgz, chiamati anche "tarball". Questo comando ha un gran numero di opzioni, ma è sufficiente ricordare alcune lettere per creare rapidamente archivi con tar. Il comando tar può estrarre anche gli archivi risultanti. Il comando tar GNU incluso nelle distribuzioni Linux ha una compressione integrata.

(how-to)