it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / Emoji è protetto da copyright?

Emoji è protetto da copyright?


Se sei in giro per fare shopping nel tuo negozio locale Walmart o Target, probabilmente avrai notato molti prodotti adornati con emoji, come il sorridente apparentemente onnipresente mucchio di cacca. Ti sei mai chiesto se puoi creare il tuo prodotto emoji?

La semplice risposta a questa domanda è "forse", ma dipende dall'emoji che vuoi usare.

Copyright, in particolare negli Stati Uniti, si applica automaticamente quando un lavoro viene creato e quindi stabilito in una forma chiara e definita. Ad esempio, se disegni una foto o scrivi un libro, quell'opera è tua e tu ne possiedi il copyright.

Gli Emoji sono caratteri Unicode, il che significa che fanno parte dello standard universale del settore informatico per la codifica e la rappresentazione testo su sistemi in tutto il mondo. In altre parole, se si immette una "A" su un computer in California, verrà visualizzato come una "A" su un computer in Calcutta.

Lo stesso vale per le emoji. Poiché le emoji sono Unicode, non importa cosa tu invii a qualcun altro, esse dovrebbero apparire come tali per quella persona. Se invii un'emoji cuore rosso da un telefono cellulare, indipendentemente dalla piattaforma, sarà rappresentato come un'emoji del cuore rosso al destinatario.

Quindi, le emoji sono fondamentalmente come lettere e numeri e tu sei libero di usarle per esprimere te stesso nelle tue varie comunicazioni, sia che siano nelle tue e-mail o messaggi di testo. Ma mentre non puoi copyright la lettera "A" o il numero "2" o un'emoticon specifica, puoi copyright il modo in cui quei personaggi sono rappresentati.

In altre parole, se crei un carattere tipografico, anche se altri potrebbero usarlo quanto vogliono come mezzo di comunicazione, potrebbero violare il copyright se usano quel carattere per scopi commerciali, come in un logo o prodotto che hanno creato. Ed è qui che puoi incontrare dei problemi, perché i vari set di emoji possono essere protetti da copyright come se fossero un carattere tipografico.

Ecco perché le emoji appaiono diverse su varie piattaforme, che si tratti di un iPhone, un dispositivo Android o un computer Windows . Una società come Apple compra, concede in licenza o crea i font sui propri sistemi, tra cui le emoji. Quindi non puoi andare in giro usando la versione di un'emoji di Apple senza ottenere il permesso.

Quindi, se vuoi usare il mucchio sorridente di emoji di cacca per i tuoi scopi commerciali, di solito hai tre opzioni:

  • Contatto il detentore del copyright per la versione che desideri, ad esempio il dipartimento legale di Apple, e tira fuori una specie di accordo per concedere in licenza le loro emoji specifiche.
  • Trova un set di emoji come EmojiOne che è gratuito da utilizzare per scopi personali o commerciali , o paga per usare un servizio di fotografia di fotografie come Fotllia.
  • Disegna il tuo mucchio di emoji di cacca e usalo come meglio credi (assicurati che le tue emoji non assomiglino a un evidente ripudio di qualcun altro).

Quindi, se hai intenzione di creare una linea di vestiti decorata con un messaggio emoji, assicurati che le emoji o le emoji specifiche che stai utilizzando non siano protette da copyright o che tu abbia ottenuto il permesso di usarle.


Possiedo una foto se ci sono dentro

Possiedo una foto se ci sono dentro

Ci sono un sacco di idee sbagliate là fuori su chi è in grado di fare cosa con le fotografie. Una delle idee più pervasive è che, poiché sei in una foto, lo possiedi, hai "copyright congiunto", o il nostro in qualche altro modo autorizzato a usarlo. In una certa misura ha senso: questo è il tuo volto nella foto, ma purtroppo non è solo il modo in cui le cose funzionano.

(how-top)

Le tastiere per smartphone sono un incubo per la privacy

Le tastiere per smartphone sono un incubo per la privacy

Sia Android che iPhone consentono di sostituire la tastiera standard con una di terze parti. Per sua stessa natura, tuttavia, una tastiera ha accesso completo a tutto ciò che viene digitato su di essa, dai messaggi privati ​​alle password e ai numeri delle carte di credito. Alcuni dati della tastiera vengono spesso inviati su Internet, dove potrebbero essere rubati - o addirittura abusati dallo sviluppatore della tastiera.

(how-top)