it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / Le antenne del router Wi-Fi "ruotano" in relazione ai dispositivi Wi-Fi ad esse collegati?

Le antenne del router Wi-Fi "ruotano" in relazione ai dispositivi Wi-Fi ad esse collegati?


Se non hai mai usato Wi-Fi in casa, allora potresti trovare sei curioso di sapere come funziona quando i tuoi dispositivi sono collegati al tuo router. Con questo in mente, il post di Q & A di SuperUser di oggi ha le risposte alle domande di un lettore curioso.

La sessione di domande e risposte di oggi ci viene fornita per gentile concessione di SuperUser, una suddivisione di Stack Exchange, un raggruppamento di siti Web di domande e risposte.

Foto per gentile concessione di Scott Beale (Flickr).

La domanda

Lettore SuperUser 1.21 gigawatt vuole sapere se le antenne del router Wi-Fi "ruotano" in relazione ai dispositivi Wi-Fi ad esse collegati:

Le antenne del router Wi-Fi ruotano la loro direzione in base alla posizione del dispositivo con cui stanno parlando (ovvero in base a MIMO, triangolazione e altri fattori)?

Ad esempio, se mantengo il mio dispositivo fermo e in una posizione, la velocità di trasferimento salirà?

Le antenne del router Wi-Fi 'ruotano' in relazione ai dispositivi Wi-Fi ad esse collegati?

La risposta

Contribuente SuperUser JakeGould ha la risposta per noi:

Risposta più breve

Fisicamente, le antenne del router non ruotano. Ma logicamente, la tecnologia beamforming consente a alcuni router MIMO di modellare la potenza di trasmissione / ricezione dal router al dispositivo che è connesso tramite 802.11 o 802.11ac.

Se si è preoccupati dell'effetto di spostare fisicamente i dispositivi collegati trasmissione / ricezione dati, potrebbe in qualche modo influenzare la velocità in qualche modo, ma a livello pratico potrebbe non valere la pena preoccuparsi. Ulteriori dettagli di seguito.

Risposta più lunga

Le antenne del router Wi-Fi "ruotano" la loro direzione in base alla posizione del dispositivo con cui stanno parlando (ovvero in base a MIMO, triangolazione e altri fattori)?

Le antenne del router Wi-Fi ruotano? Beh, non sono a conoscenza di quelli che ruotano fisicamente come le orecchie di un gatto, cane o persino Robby the Robot da Forbidden Planet.

Detto questo, se il router Wi-Fi utilizza un array di antenne multiple, può usare tecnologia di beamforming per "modellare" efficacemente il modo in cui i dati vengono ricevuti e trasmessi dall'array di antenne del router. Come spiega Wikipedia (l'enfasi è mia):

  • Il beamforming o il filtraggio spaziale è una tecnica di elaborazione del segnale utilizzata negli array di sensori per la trasmissione o ricezione del segnale direzionale. Ciò è ottenuto combinando gli elementi in un array a fasi in tale modo i segnali a particolari angoli subiscono interferenze costruttive mentre altri subiscono interferenze distruttive. La beamforming può essere utilizzata sia a livello di trasmissione che di ricezione al fine di ottenere una selettività spaziale. Il miglioramento rispetto alla ricezione / trasmissione omnidirezionale è noto come guadagno (o perdita) di ricezione / trasmissione.

Questo concetto generale viene utilizzato nelle tecniche di networking basate su MIMO come spiegato in "802.11ac: A Survival Guide" di O'Reilly ( di nuovo, l'enfasi è mia):

  • Un metodo alternativo di trasmissione è focalizzare l'energia verso un ricevitore, un processo chiamato beamforming. Se l'AP ha sufficienti informazioni per inviare l'energia della radio in modo preferenziale in una direzione, è possibile raggiungere più lontano. L'effetto complessivo è illustrato nella Figura 4-1 (nella foto qui sotto). Beamforming focalizza l'energia verso un cliente, come ad esempio il computer portatile sul lato destro della figura. I cunei illustrano le aree in cui la messa a fuoco del beamforming aumenta la potenza e quindi il rapporto segnale-rumore e la velocità dei dati. La trasmissione preferenziale rispecchiata a sinistra è un effetto comune di focalizzare l'energia in un sistema con elementi di antenna limitati. Tuttavia, focalizzare l'energia verso i lati sinistro e destro della figura significa che la distanza dell'AP in altre direzioni è minore.

Detto questo, il beamforming non è una cura magica per la perdita / forza del segnale Wi-Fi e funziona meglio a livello medio intervalli (ancora una volta, grassetto di enfasi è mio):

  • Beamforming aumenta le prestazioni delle reti wireless a medie gamme. A distanze brevi, la potenza del segnale è sufficientemente elevata da consentire all'SNS di supportare la velocità massima dei dati. A lunghe distanze, il beamforming non offre un guadagno sostanziale su un'antenna omnidirezionale, e le velocità di trasmissione dei dati saranno identiche alle trasmissioni non beamformed. Beamforming funziona migliorando quella che viene chiamata la velocità su un intervallo, ad una determinata distanza dall'AP, un dispositivo client avrà prestazioni migliori.

Quindi quando si pone la seguente domanda:

Ad esempio, se tengo il mio dispositivo ancora e in una posizione, la velocità di trasferimento salirà?

Forse lo farà, forse no. Puoi sperimentare, se lo desideri, spostando una stanza contro il fermo. Innanzitutto, controlla se il tuo router ha effettivamente capacità di beamforming e se sono abilitate. Ma sinceramente, potresti provare a spremere sangue da una pietra qui per guadagni minimi.


Hai qualcosa da aggiungere alla spiegazione? Audio disattivato nei commenti. Vuoi leggere più risposte dagli altri utenti di Stack Exchange esperti di tecnologia? Controlla il thread completo di discussione qui.


Hai davvero bisogno di pagare per le suonerie?

Hai davvero bisogno di pagare per le suonerie?

Il telefono è dotato di un set predefinito di suonerie che, per alcuni, è abbastanza buono. Se stai cercando di mescolare un po ', tuttavia, ci sono molte persone disposte a prendere i tuoi soldi. Hai davvero bisogno di pagare per ottenere suonerie fresche, però? Immagine di mrceviz. Caro How-To Geek, Mio nipote ha recentemente preso uno smartphone e in qualche modo ha raccolto un'enorme fattura scaricando nuove suonerie per esso .

(how-to)

Quando le cuffie da realtà virtuale saranno un prodotto di consumo?

Quando le cuffie da realtà virtuale saranno un prodotto di consumo?

CES 2015 era pieno di diversi auricolari per realtà virtuale, e sembra di essere da anni sulla cuspide dei consumatori. Oculus Rift non ha ancora rilasciato la versione consumer e altre aziende stanno cercando di batterli sul mercato. La campagna Oculus Rift Kickstarter è stata lanciata nel 2012. È ora il 2015 e Oculus è al loro terzo prototipo.

(how-to)