it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / Le foto con tag di posizione sono davvero un problema di privacy?

Le foto con tag di posizione sono davvero un problema di privacy?


Quando scatti una foto con il tuo smartphone (o una fotocamera digitale moderna), registra le coordinate GPS della foto e le incorpora nell'immagine metadati o EXIF. Ecco come il tuo telefono è in grado di mostrare una visualizzazione della tua libreria fotografica.

Ora puoi ovviamente disattivare la geotagging: ecco come farlo su iOS e Android, ma è davvero importante? Ci sono un sacco di articoli spaventi là fuori che dicono che il mondo troverà i tuoi figli se li condividi su dei social media, ma ne valgono la pena? Diamo un'occhiata ad alcuni dei metodi più comuni di condivisione delle foto e vedi.

Condivisione diretta di foto via e-mail, messaggi di testo o altri mezzi

Se condividi direttamente un file immagine con qualcuno, includi anche i metadati incorporati . Ciò significa che se gli invii un'email, la mandi un messaggio o utilizzi una cartella condivisa in un servizio come Dropbox o Google Drive, avranno le coordinate GPS in cui l'hai scattata.

Potrebbe sembrare spaventoso, ma torniamo indietro cose sopra. Quante persone invii foto a chi non sa già dove vivi? La maggior parte delle volte, sto condividendo immagini con familiari e amici; Sono sicuro che lo sei anche tu.

Ora, se invii a qualcuno le foto di un'auto o di una console di gioco che stanno pensando di comprarti, le cose potrebbero essere leggermente diverse. In tal caso, vai avanti e rimuovi i metadati (ecco come farlo su iOS e su Android) prima di inviare le foto.

Caricamento di foto su Facebook

Se guardi i metadati da un'immagine che scarichi da Facebook, vedrai che non ce n'è.

Quando qualcuno dice "social media", parlano quasi sempre di Facebook e, quando si tratta di Facebook, puoi caricare le foto con geotag. Durante il processo di caricamento, Facbook rimuove tutti i metadati, inclusa la posizione, dall'immagine, quindi nessuno sarà in grado di ottenerlo dal tuo profilo.

CORRELATO: Come rendere più difficile per le persone trovare il tuo Account Facebook

Questo non vuol dire che non dovresti assicurarti che il tuo account Facebook sia il più privato possibile. Significa solo che condividere una foto non dirà a tutti dove vivi.

Condividere immagini su Instagram

Non sorprende che Instagram, visto che è di proprietà di Facebook, tratta le foto allo stesso modo. Quando li carichi, i dati EXIF ​​vengono tutti rimossi. Puoi scegliere di includere la posizione della foto su Instagram, ma non viene estratta dai dati geografici. Invece, utilizza il telefono GPS per trovare dove sei ora e suggerisce posizioni vicine. (Ecco perché se condividi una foto in un secondo momento, ti suggerirà la tua posizione attuale, non quelle vicino a dove è stata scattata la foto.)

Condivisione delle immagini su Twitter

Twitter, come Facebook e Instagram, rimuove tutti i dati EXIF dalle immagini che carichi con i tuoi Tweet. Nessuno troverà la tua posizione dalle tue foto lì.

CORRELATO: Come disattivare la condivisione della posizione sulle app mobili di Twitter

Tuttavia, Twitter ha un altro problema: puoi condividere la tua posizione esatta con un Tweet . L'immagine allegata potrebbe non avere le coordinate GPS della tua casa, ma sicuramente il Tweet può farlo. Come sempre, c'è un modo per disattivarlo.

Condivisione delle immagini su Reddit e Imgur

Sia che tu stia utilizzando la funzione di caricamento delle immagini di Reddit o il famoso host di immagini di terze parti Imgur, il risultato è lo stesso di altri social network: i dati EXIF, inclusi i geotag, vengono eliminati quando li carichi. Questo non vuol dire che non troverai immagini con dati EXIF ​​su Reddit; se qualcuno pubblica un link a un'immagine ospitata da un servizio che mantiene geotag o ospita le proprie immagini, sarà lì, ma vuol dire che è molto improbabile che condivida accidentalmente una foto con dati EXIF ​​intatti.

Condivisione Immagini su Flickr e 500px

Gli unici social network principali che non spogliano automaticamente i dati sulla posizione quando si caricano le immagini sono quelli effettivamente dedicati alla fotografia, come Flickr e 500px. Per questi siti, la visualizzazione di metadati come fotocamera, obiettivo, velocità dell'otturatore e apertura è una parte importante della conversazione intorno alle immagini.

Ora non è necessario condividere i dati di geotag; entrambi i siti ti offrono la possibilità di escluderlo quando carichi le tue foto. È solo che non verrà rimosso automaticamente.


CORRELATO: Ti rendi conto di quanta parte hai condiviso la tua posizione?

I geotag non sono davvero la cosa spaventosa a cui sono talvolta ritratti. È altamente improbabile che tu condivida la tua posizione per sbaglio semplicemente usando una foto. È meglio non pubblicare informazioni private pubblicamente sui social media, ma puoi farla franca condividendo la maggior parte delle foto in totale sicurezza. Certo, puoi rimuoverlo prima di postare, se vuoi, dopotutto, meglio prevenire che curare, ma il più delle volte, probabilmente non importa.

E se vuoi essere sicuro, puoi sempre scaricare alcune foto da un social network di cui sei preoccupato e dai un'occhiata ai dati EXIF. Se ci sono dei geotag, li vedrai.


Perché il mio iPhone 7 Plus ha due fotocamere?

Perché il mio iPhone 7 Plus ha due fotocamere?

Apple non è il primo produttore a mettere due fotocamere sul proprio telefono (LG, HTC e Huawei tutti li battono), ma L'iPhone 7 Plus di Apple è il primo a fare davvero colpo. Ma qual è il vantaggio di questa nuova e brillante configurazione a due telecamere? Diamo un'occhiata. Le specifiche della fotocamera L'iPhone 7 Plus ha due fotocamere da 12 megapixel, affiancate.

(how-top)

Che cos'è questo processo e perché è in esecuzione sul mio PC?

Che cos'è questo processo e perché è in esecuzione sul mio PC?

Se passi del tempo a digitare il Task Manager, sai che molti processi vengono eseguiti su qualsiasi sistema Windows. Ma cosa fanno? È sicuro interrompere, disattivare o riordinare le priorità? Abbiamo alcune risposte per te. Come parte di una serie in corso, daremo un'occhiata più da vicino ai processi generati da Windows, app di terze parti comuni e driver hardware.

(how-top)