it.phhsnews.com


it.phhsnews.com / In che modo l'intelligenza artificiale cambierà la nostra vita, per una migliore o peggiore

In che modo l'intelligenza artificiale cambierà la nostra vita, per una migliore o peggiore


Se hai prestato attenzione ai media nell'ultimo anno o giù di lì, potresti avere l'impressione che sia solo una questione di tempo prima che la minaccia dell'intelligenza artificiale venga a distruggere tutti noi.

Nota del redattore: questo è un allontanamento dal nostro normale formato esplicativo e pratico in cui lasciamo che i nostri scrittori facciano ricerche e presentino uno sguardo stimolante alla tecnologia .

Dai grandi blockbuster estivi come Avengers: Age of Ultron e Transcendence di Johnny Depp, a film indipendenti più piccoli come Ex-Machina o il film drammatico di Channel 4 Humans, gli sceneggiatori sembrano non averne abbastanza del tropo che no importa quale forma prenderà la IA nei prossimi decenni, puoi scommettere che sarà un inferno piegato a insegnare all'umanità una lezione sul cadere vittima della propria hybris.

Ma c'è qualche paura di queste macchine giustificata? In questa funzione, esamineremo il mondo dell'IA dal punto di vista di scienziati, ingegneri, programmatori e imprenditori che lavorano oggi sul campo e riducono quella che secondo loro potrebbe essere la prossima grande rivoluzione nell'intelligenza umana e informatica.

Quindi, dovresti iniziare a fare scorta di proiettili per la prossima guerra con Skynet, o alzare i piedi mentre un esercito di droni asserviti si prende cura di ogni tuo capriccio? Continua a leggere per scoprire.

Conosci Thy Enemy

Per iniziare, aiuta a sapere di cosa stiamo parlando esattamente quando usiamo il termine generico "AI". La parola è stata gettata e ridefinita un centinaio di volte da quando il concetto di computer autocoscienti è stato proposto per la prima volta dal padre non ufficiale di AI, John McCarthy, nel 1955 ... ma cosa significa veramente?

Bene, prima di tutto i lettori dovrebbero sapere che l'intelligenza artificiale, così come la intendiamo oggi, rientra in realtà in due categorie distinte: "ANI" e "AGI".

La prima, abbreviazione di Artificial Narrow Intelligence, comprende quella che viene generalmente definita "IA debole" o un'intelligenza artificiale che può operare solo in un'area ristretta di specializzazione. Think Deep Blue, il supercomputer progettato da IBM per sconfiggere i chessmasters del mondo nel 1997. Deep Blue può fare una cosa davvero bene: battere gli umani a scacchi ... ma è tutto.

Potresti non rendertene conto, ma siamo già circondati da ANI nelle nostre vite quotidiane. Le macchine che tracciano le tue abitudini di acquisto su Amazon e generano raccomandazioni basate su migliaia di variabili diverse sono costruite su ANI rudimentali che "apprendono" ciò che ti piace nel tempo e scelgono di conseguenza prodotti simili. Un altro esempio potrebbe essere i filtri antispam per la posta elettronica personale, i sistemi che selezionano contemporaneamente milioni di messaggi per decidere quali sono reali e quali sono i rumori aggiuntivi che possono essere spostati di lato.

CORRELATI: Perché lo spam di posta elettronica è ancora Un problema?

ANI è l'utile e relativamente innocua implementazione dell'intelligenza artificiale di cui tutta l'umanità può trarre beneficio, perché sebbene sia in grado di elaborare miliardi di numeri e richieste alla volta, funziona ancora in un ambiente limitato limitato da il numero di transistor che permettiamo di avere in un dato momento. D'altra parte, l'intelligenza artificiale a cui siamo sempre più diffidenti è qualcosa chiamato "Intelligenza artificiale generale", o AGI.

Allo stato attuale, la creazione di qualsiasi cosa che possa essere definita a distanza come AGI rimane il Santo Graal dell'informatica e, se raggiunta, potrebbe modificare fondamentalmente tutto ciò che riguarda il mondo come lo conosciamo. Ci sono molti ostacoli a superare la sfida di creare una vera AGI alla pari con la mente umana, non ultimo il fatto che, sebbene ci siano molte somiglianze tra il modo in cui il nostro cervello funziona e il modo in cui i computer elaborano le informazioni, quando scende interpretare realmente le cose nel modo in cui facciamo; le macchine hanno la cattiva abitudine di rimanere appese ai dettagli e mancano la foresta per gli alberi.

"Ho paura che non posso lasciarti fare quel Bullsh * t, Dave"

Quando il computer Watson di IBM ha notoriamente imparato a maledire dopo aver letto attraverso il dizionario urbano, abbiamo acquisito una comprensione di quanto siamo lontani da un'intelligenza artificiale realmente capace di selezionare i minimi dettagli dell'esperienza umana e di creare un'immagine precisa di ciò che Si suppone che il "pensiero" sia fatto di.

Vedi, durante lo sviluppo di Watson, gli ingegneri stavano avendo problemi a cercare di insegnargli un modello di discorso naturale che emulasse più da vicino il nostro, piuttosto che quello di una macchina grezza che parlava in frasi perfette. Per risolvere questo problema, pensarono che sarebbe stata una buona idea eseguire l'intero dizionario urbano attraverso le sue banche di memoria, subito dopo che Watson rispose a uno dei test del team chiamandolo "bullsh * t".

L'enigma ecco che anche se Watson sapeva che stava bestemmiando e che quello che stava dicendo era offensivo, non comprendeva del tutto perché non avrebbe dovuto usare quella parola, che è il componente critico che separa il ANI standard di oggi dall'evolversi in AGI di domani. Certo, queste macchine possono leggere fatti, scrivere frasi e persino simulare la rete neurale di un topo, ma quando si tratta di capacità di giudizio critico e giudizio, l'intelligenza artificiale di oggi è ancora in ritardo dietro la curva.

CORRELATO: Jeopardy Playing Computer Watson di IBM mostra ai professionisti come è fatto [Video]

Quel divario tra conoscenza e comprensione non è nulla di cui starnutire, ed è quello a cui i pessimisti puntano quando si sostiene che siamo ancora molto lontani da creare un AGI capace di conoscere se stesso nel modo in cui lo facciamo. È un enorme abisso, che né gli ingegneri informatici né gli psicologi umani potrebbero sostenere di avere nella definizione moderna di ciò che rende cosciente un essere cosciente .

E se Skynet si auto-avverasse?

Ma, anche se in qualche modo riusciremo a creare un AGI nel prossimo decennio (che è piuttosto ottimistico date le attuali proiezioni), dovrebbe essere tutto sommato da lì in poi, giusto? Gli esseri umani che vivono con l'intelligenza artificiale, l'intelligenza artificiale sono in bilico con gli umani nei fine settimana dopo una lunga giornata presso la fabbrica di macinatura del numero. Fai le valigie e abbiamo finito qui?

Beh, non proprio. C'è ancora un'altra categoria di intelligenza artificiale, ed è quella che tutti i film e i programmi televisivi hanno cercato di metterci in guardia da anni: ASI, altrimenti nota come "super intelligenza artificiale". In teoria, un ASI sarebbe nato da una AGI che si agitava con il suo destino nella vita e che prendeva la decisione premeditata di fare qualcosa per conto suo senza il nostro permesso. La preoccupazione che molti ricercatori nel campo hanno proposto è che una volta che un AGI raggiunge la sensibilità, non si accontenterà di ciò che ha, e farà tutto il possibile per aumentare le proprie capacità con ogni mezzo necessario.

Una possibile timeline procede come segue: gli esseri umani creano la macchina, la macchina diventa intelligente come gli umani. La macchina, che ora è intelligente quanto gli umani che hanno creato una macchina intelligente come loro (seguitemi qui), impara l'arte dell'auto-replicazione, dell'autoevoluzione e dell'auto-miglioramento. Non si stanca, non si ammala e può crescere all'infinito mentre il resto di noi sta ricaricando le batterie a letto.

Il timore è che sarebbe solo questione di pochi nanosecondi prima di un AGI ha facilmente sorpassato l'intelligenza di tutti gli esseri umani che vivono oggi e, se connesso al web, avrebbe solo bisogno di essere un neurone simulato più intelligente dell'hacker più intelligente del mondo per prendere il controllo di ogni sistema connesso a Internet sul pianeta.

Una volta ottiene il controllo, potrebbe quindi avere il potenziale per usare il suo potere per iniziare lentamente ad accumulare un esercito di macchine ugualmente intelligenti come il suo creatore e in grado di evolversi ad un ritmo esponenziale via via che sempre più nodi vengono aggiunti alla rete. Da qui, tutti i modelli tracciati sulla curva dell'intelligenza della macchina irrompono prontamente sul tetto.

Detto questo, tuttavia, sono principalmente basati sulla speculazione piuttosto che su qualcosa di tangibile. Questo lascia un sacco di spazio per l'assunzione a nome di dozzine di esperti diversi su entrambi i lati della questione, e anche dopo anni di accesi dibattiti, non c'è ancora consenso comune sul fatto che un ASI sarà o un dio misericordioso, o vedere gli umani come le specie che bruciano il carbone e che si nutrono di cibo che siamo e ci cancellano dai libri di storia come se pulissimo una scia di formiche dal bancone della cucina.

Ha detto, ha detto: dovremmo avere paura?

Quindi, ora che capiamo cos'è l'intelligenza artificiale, le diverse forme che potrebbe richiedere nel tempo e come quei sistemi potrebbero diventare parte della nostra vita nel prossimo futuro, Resta la domanda: dovremmo avere paura?

Sulla scia dell'inquietato interesse del pubblico per l'IA nell'ultimo anno, molti dei migliori scienziati, ingegneri e imprenditori del mondo hanno colto l'occasione per dare i loro due centesimi su cosa l'intelligenza artificiale potrebbe effettivamente apparire al di fuori degli stadi sonori di Hollywood nei prossimi decenni.

Da un lato, hai gli oscuri e doomers come Elon Musk, Stephen Hawking e Bill Gates, che condividono tutti la preoccupazione che senza le adeguate salvaguardie messe in atto, sarà solo una questione di tempo prima che un ASI sembri un modo per spazzare via la razza umana.

"Si può immaginare una tale tecnologia che supera in astuzia i mercati finanziari, inventa i ricercatori umani, smuovere i leader umani e sviluppare armi che non possiamo anche capire ", scrisse Hawking in una lettera aperta alla comunità di AI quest'anno.

" Mentre l'impatto a breve termine dell'IA dipende da chi lo controlla, l'impatto a lungo termine dipende dal fatto che possa essere controllato. "

Dall'altro, troviamo un ritratto più luminoso dipinto da futuristi come Ray Kurzweill, il ricercatore capo di Microsoft, Eric Horovitz, e il altro favorito del fondatore di Apple preferito da tutti; Steve Wozniak. Sia Hawking che Musk sono considerati due dei più grandi menti della nostra generazione, quindi mettere in dubbio le loro previsioni sul danno che la tecnologia potrebbe causare a lungo termine non è un'impresa facile. Ma lascialo ai luminari come Wozniak per intervenire dove altri oserebbero.

Quando gli chiesero come crede che un ASI possa trattare gli umani, il Woz fu brusco nel suo ottimismo sfumato: "Saremo gli dei? Saremo gli animali domestici di famiglia? O saremo formiche su cui verremo calpestati? Non lo so ", ha chiesto in un'intervista con l'Australian Financial Review. "Ma quando mi viene in mente questo se dovrò essere trattato in futuro come un animale domestico per queste macchine intelligenti ... beh, ho intenzione di trattare il mio cane molto bello."

Ed è qui troviamo il dilemma filosofico sul fatto che nessuno è del tutto a suo agio nel raggiungere un consenso: un ASI ci vedrà come un innocuo housepet da coccolare e curare, o un indesiderato parassita che merita uno sterminio rapido e indolore?

Hasta la Vista, Baby

Anche se sarebbe una folle commissione chiedere di sapere esattamente cosa sta succedendo nella vita reale di Tony Stark, penso che quando Musk e amici ci mettono in guardia sul pericolo dell'IA, non lo sono riferendosi a qualsiasi cosa che assomigli al Terminator, Ultron o Ava.

Anche con immense quantità di innovazione a portata di mano, i robot che abbiamo oggi possono camminare a malapena un miglio all'ora prima che raggiungano una barriera invalicabile, si confondano e mangiano marciapiedi in modo esilarante. E mentre si potrebbe tentare di puntare alla Legge di Moore come esempio di quanto velocemente la tecnologia di robotica abbia il potenziale per progredire nel futuro, l'altra deve solo guardare l'Asimo, che ha debuttato per la prima volta quasi 15 anni fa, e non ha fatto alcun miglioramenti significativi da.

Per quanto possiamo desiderarli, la robotica non è mai stata così vicina al rispetto dello stesso modello di progresso esponenziale che abbiamo visto negli sviluppi del processore del computer. Sono vincolati dai limiti fisici di quanta potenza possiamo inserire in un pacco batterie, dalla natura difettosa dei meccanismi idraulici e dalla lotta senza fine per dominare la lotta contro il loro centro di gravità.

Quindi per il momento; no, anche se un vero AGI o ASI potrebbe essere potenzialmente creato in un supercomputer statico su alcuni server farm in Arizona, è ancora altamente improbabile che ci troveremo a correre per le strade di Manhattan mentre un'orda di scheletri di metallo ci falcia giù da dietro.

CORRELATO: Come l'intelligenza artificiale cambierà la nostra vita, per meglio o peggio

Invece, l'intelligenza artificiale che Elon e Hawking sono così desiderosi di mettere in guardia dal mondo è quella della "sostituzione della carriera". "Varietà, una che può pensare più velocemente di noi, organizzare i dati con meno errori e persino imparare come fare il nostro lavoro meglio di quanto potremmo mai sperare - tutto senza chiedere un'assicurazione sanitaria o qualche giorno libero per portare i bambini a Disneyland in Spring Break.

Barista Bot e Cappuccino perfetto

Alcuni mesi fa NPR ha pubblicato uno strumento utile sul suo sito Web, in cui gli ascoltatori di podcast potevano selezionare da un elenco di diverse carriere per scoprire la percentuale di rischio trasportata dalla propria linea di lavoro per essere automatizzata a un certo punto nei prossimi 30 anni.

Per una vasta gamma di posti di lavoro, inclusi ma non limitati a: impieghi, infermeria, informatica, diagnostica e persino baristi, robot e le loro controparti ANI quasi certamente metterà milioni di noi senza lavoro e nella linea del pane prima di quanto molti di noi pensano. Ma queste sono macchine che saranno programmate per svolgere un compito e un solo compito, e hanno poca (se non nessuna) capacità di andare oltre una serie specializzata di istruzioni pre-programmate che installiamo attentamente in anticipo.

Ciò significa che almeno nel prossimo futuro (pensate 10-25 anni), gli ANI saranno la vera minaccia tangibile per il nostro stile di vita molto più di quanto qualsiasi AGI teorica o ASI possa fare. Sappiamo già che l'automazione è un problema crescente che cambierà drasticamente il modo in cui entrate e privilegi sono distribuiti nel primo e nel terzo mondo. Tuttavia, se quei robot alla fine tenteranno di scambiare le loro macchine da cucire per mitragliatrici è ancora oggetto di un acceso dibattito (e come scoprirete), in ultima analisi frivola.

Con grande potenza, viene una grande singolarità

"Sai, so che questa bistecca non esiste. So che quando me lo metto in bocca, Matrix mi sta dicendo che è succoso e delizioso. Dopo nove anni, sai cosa mi rendo conto? "

" L'ignoranza è beatitudine. "- Cypher

Anche se questa è ancora una questione di opinione ferocemente discussa, per ora il consenso di molti scienziati e ingegneri di alto livello nel campo della La ricerca dell'IA sembra essere che siamo molto più a rischio di cadere preda delle comodità che un mondo di intelligenza artificiale potrebbe fornire, piuttosto che essere abbattute da una versione reale di Skynet. In quanto tale, è una possibilità relativa che la nostra eventuale fine potrebbe non venire come il prodotto di un progresso lento e metodico verso il grande sconosciuto. Invece, è molto più probabile che emerga come una conseguenza involontaria dell'intersezione affrettata e eccessivamente entusiasta della nostra propria arroganza e ingenuità che sbatte insieme per creare la prossima grande singolarità tecnologica.

Pensa meno Terminator, e altro wall-E . Come la flotta di robot che ingrassò gli umani nel film della Pixar, noi umani non abbiamo problemi a tenere gli scimpanzé in uno zoo, e la differenza è se un'IA sarà così gentile da fare lo stesso con noi.

Da questa prospettiva, ha più senso avere paura di una realtà in cui gli umani sono collegati a una persistente simulazione VR su scala planetaria alla Matrix , ingrassata dalle branchie con i loro cibi preferiti, e dato tutto ciò che potrebbero desiderare mentre le macchine si occupano del resto. Un luogo in cui un ASI evoluto non ci vede come un bug per raschiare via la sua scarpa, ma invece come gli adorabili meatbags delle scimmie, siamo facili da accontentare e meritare almeno un po 'di credito per creare l'onnisciente, quasi-dio onniveggente che alla fine prese il sopravvento sul pianeta.

CORRELATO: Automatizza le attività sul tuo dispositivo Android con Automagic

Sotto questo aspetto, tutto si riduce alla tua definizione di cosa significhi "vivere" "Attraverso la rivoluzione dell'IA. L'idea che qualcosa di "inutile" debba essere eliminato è un concetto esclusivamente umano, una mentalità che non dobbiamo aspettarci immediatamente che i nostri signori della macchina adottino dal nostro ambito morale limitato. Forse l'eventuale evoluzione della nostra intelligenza digitale non sarà pura malvagità, ma un'infinita compassione per tutti gli esseri viventi; non importa quanto egoisti, ipocriti o autodistruttivi possano essere.

Quindi ... dovremmo essere preoccupati per questo?

Dipende da chi chiedi.

Se sondaggi due dei più intelligenti tecnologici ingegneri e matematici nel mondo moderno, otterresti quattro risposte diverse, ei numeri non oscillano mai, anche più persone aggiungi al tabellone. Ad ogni modo, il problema principale che dovremmo affrontare non è "sta arrivando l'IA?" Perché lo è, e nessuno di noi sarà in grado di fermarlo. Guardando così tante diverse prospettive, la vera domanda che nessuno si sente a proprio agio a rispondere con troppa confusione è: "sarà misericordioso?"

Anche dopo che alcune delle più grandi menti del mondo hanno affrontato il problema, il quadro di ciò che l'intelligenza artificiale potrebbe sembrare 20, 30 o 50 anni nel futuro, risulta ancora piuttosto oscuro. Poiché il campo dell'IA si trasforma costantemente in qualcos'altro ogni volta che viene prodotto un nuovo chip del computer o viene sviluppato materiale transistor, rivendicare l'autorità finale su ciò che può o non può accadere è un po 'come dire "sapere" che un lancio di dadi è certo

Una cosa che possiamo segnalare con sicurezza è che se sei preoccupato di ricevere una rosa la prossima settimana dal registratore di cassa computerizzato, cerca di non farti coinvolgere troppo. Taco Bell sarà ancora aperto per Taco Tuesdays, e un umano prenderà sicuramente il tuo ordine alla finestra, (e dimenticando la salsa verde, di nuovo). Secondo uno studio condotto da James Barrat al Vertice AGI dell'anno scorso in Quebec, la giuria su una linea dura per l'intelligenza artificiale è ancora fuori. Meno della metà di tutti i presenti ha affermato di ritenere che avremmo conseguito una vera AGI prima del 2025, mentre oltre il 60 percento ha dichiarato che ci vorrebbe almeno fino al 2050, se non entro il prossimo secolo e oltre.

Mettere un la data difficile per il nostro appuntamento con il destino digitale è un po 'come dire che si sa che pioverà nella giornata di oggi tra 34 anni. Il divario tra un vero AGI e un'intelligenza artificiale super avanzata è così sottile che le cose andranno davvero bene o in modo orribilmente sbagliato molto, molto rapidamente. E anche se i computer quantistici sono appena oltre l'orizzonte e abbiamo tutti gli smartphone in rete nelle nostre tasche che possono trasmettere segnali nello spazio, stiamo ancora appena scalfendo la superficie della comprensione del "perché" del perché pensiamo alle cose come noi

Immaginiamo di poter accidentalmente creare una mente artificiale piena di tutti i nostri difetti e disfunzioni evolutive - prima ancora di sapere che cosa ci rende ciò che siamo - è l'essenza dell'ego umano è impazzita.


Alla fine, nonostante il nostro implacabile desiderio di decidere chi uscirà in cima alla prossima guerra e / o trattato di pace tra l'umanità e le macchine, è una gara di aspettative limitate contro possibilità illimitate, e tutto ciò che stiamo facendo è discutere la semantica in mezzo. Certo, se sei appena uscito dal liceo e stai cercando di ottenere la certificazione di guida in taxi, il CEO di Uber ha mezzo milione di motivi per cui dovresti probabilmente pensare a trovare una carriera altrove.

Ma se stai facendo scorta armi e fagioli in scatola per l'apocalisse dell'IA, potresti starti meglio spendendo il tuo tempo imparando a dipingere, codificare o scrivere il prossimo grande romanzo americano. Anche alle stime più prudenti ci vorrà un certo numero di decenni prima che una qualsiasi macchina impari come essere Monet, o insegna se stessa come C # e Java, perché gli umani sono pieni del tipo di creatività, ingegno e capacità di esprimere i nostri sé più intimi come no

Sì, potremmo diventare un po 'emotivi qualche volta, venire giù con un raffreddore sul lavoro, o aver bisogno di fare un pisolino in mezzo alla giornata, ma forse è esattamente perché siamo umani che la minaccia di creare qualcosa di più grande di noi all'interno di una macchina è ancora molto, molto lontana.

Crediti immagine: Pixar Disney, Paramount Pictures, Bosch, Youtube / TopGear, Flickr / LWP Communications Flickr / BagoGames, Wikimedia Foundation, Twitter, WaitButWhy 1, 2


Come disattivare la sincronizzazione di iCloud Photo nelle foto di OS X

Come disattivare la sincronizzazione di iCloud Photo nelle foto di OS X

Apple ha finalmente tolto l'involucro dal successore di iPhoto: Photos. È fantastico finora, ma non siamo sicuri che tutti saranno entusiasti della sua integrazione con iCloud. Ecco come apportare modifiche alle funzionalità di iCloud di Foto o disattivarle completamente. Le foto sono arrivate da molto tempo.

(how-to)

Come ottenere le funzionalità di Android Nougat sul tuo vecchio telefono con N-Ify

Come ottenere le funzionalità di Android Nougat sul tuo vecchio telefono con N-Ify

Android N porterà molti strumenti nuovi, innovativi e utili su Android, ma se non hai un dispositivo Nexus moderno, quindi è difficile dire per quanto tempo sarai in attesa di mettere le mani su alcuni di questi nuovi extra. Fortunatamente, se stai utilizzando un dispositivo rooted con il framework Xposed installato, molte delle nuove funzionalità di N sono solo un download rapido.

(how-to)